BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPILLO/ Così la Chiesa "smonta" l'euro

Pubblicazione:

InfoPhoto   InfoPhoto

Nella giornata di domenica, in tutte le chiese di rito romano, è stato proposto il brano della moltiplicazione dei pani e dei pesci. Questo brano di Vangelo è quello che dovrebbe stare a cuore a tutti i cristiani che si interessano di economia, perché è quello che definisce la nascita di una esigenza, a cui l’economia tenta di dare una risposta. L’economia, infatti, in senso moderno, presuppone la presenza di una comunità, cioè di un gruppo di persone che sono unite da alcuni bisogni e da un ideale. Prima di ogni cosa, quindi, c’è una comunità che ha un ideale di convivenza. Per questo, la stessa comunità adotta delle istituzioni, delle prassi, delle norme, che, ponendo alcuni limiti alla libertà personale, contribuiscono a difendere e promuovere questo ideale di convivenza.

E questo rispetto di una norma è proprio quello che chiede Gesù: “Fateli sedere a gruppi di cinquanta”. E di fonte alla richiesta dei discepoli di allontanare la folla, perché vada a sfamarsi, Gesù li invita a partire dal “dono”: “Date voi stessi da mangiare”. Ma i discepoli, chiusi nella loro mentalità modernista (già allora!), nel loro cieco materialismo rispondono: “Non abbiamo che cinque pani e due pesci, a meno che non andiamo noi a comprare viveri per tutta questa gente”, cioè di nuovo ripartono da ciò che hanno e da quello che si potrebbe comprare. Ma Gesù li fa sedere, dopo di ché avviene la distribuzione sovrabbondante. L’economia, cioè la cura della corretta distribuzione dei beni che servono a tutti, viene sempre dopo un dato: la presenza di una comunità e l’identificazione di un bene comune. Ma ciò che è prima dell’economia, è dato, è un dono non quantificabile con la semplice somma dei presenti.

Lo stesso viene indicato nella preghiera del Padre Nostro: “Dacci oggi il nostro pane quotidiano”. Gesù stesso afferma che il pane che dobbiamo chiedere è nostro prima di averlo. Qui si afferma quindi la proprietà del pane, prima della richiesta dello stesso. Il diritto precede la proprietà: come è logico che sia, in questo caso: è logico che si abbia il diritto di avere ciò che deve mantenerci in vita (sia in senso materiale, sia in senso spirituale). In senso spirituale, abbiamo diritto alla vita eterna dal momento in cui ciascuno di noi è stato creato, e ne abbiamo preso possesso nel paradiso con Adamo ed Eva; tale diritto è stato violato a seguito del peccato originale, insieme alla perdita della vita eterna. Ora il diritto viene ripristinato da Cristo stesso, invitandoci a chiedere quel pane che è nostro per diritto. Ma questo diritto non è un diritto solitario, non diciamo “dammi il mio pane”, nemmeno quando siamo da soli. Il pane di cui qui abbiamo bisogno rappresenta i nostri bisogni come comunità. Da questo nasce l’esigenza della politica e dell’economia: da questo nasce la Dottrina sociale della Chiesa.


  PAG. SUCC. >