BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RCS/ Dietro all'asta una gran speculazione (inglese?)

Pubblicazione:venerdì 12 luglio 2013

InfoPhoto InfoPhoto

Chi in Italia vuole il controllo de Il Corriere della Sera e del gruppo Rizzoli lo fa esclusivamente in un’ottica politica. Si tratta di un’azienda che come tutto il settore editoriale non è più remunerativa. Oltretutto Rcs si è indebitata a dismisura con le operazioni spagnole, e quindi non è un business. La Fiat forse vuole avere un controllo di via Solferino perché nella sua ritirata dall’Italia le serve avere uno strumento di pressione. Il Corriere della Sera è un giornale che da sempre orienta e influenza l’opinione pubblica.

 

Le voci di un possibile ingresso di Murdoch sono fondate?

No. Quando Murdoch acquista lo fa per comandare, non è nel suo stile andare a fare il secondo o il terzo azionista. Non lo ha mai fatto, ed escludo che venga a farlo proprio in Italia al seguito di Fiat, Della Valle, Mediobanca e dei nostri salottini.

 

Che cosa ne pensa invece del fatto che Della Valle ha prima annunciato che sarebbe salito al 20% di Rcs, salvo poi smentirsi?

Quanto ha fatto Della Valle è un fatto gravissimo, una vera e propria turbativa di mercato. Si tratta di un’operazione che in un altro Paese sarebbe stata sanzionata da un organo di controllo della Borsa, soprattutto nei confronti di un titolo che si definisce “sottile” come Rcs, cioè che ha poco flottante. Tanto è vero che il grafico di Borsa di Rcs ha avuto degli sbalzi impressionanti.

 

Per quale motivo Della Valle ci ha ripensato e ha deciso di non comprare?

Il fatto è che in questa vicenda sono saltati i nervi a tutti i protagonisti. Il nostro capitalismo dimostra anche in queste cose di non essere particolarmente valido e di non avere la lucidità indispensabile in queste circostanze. Non condivido del resto che un’azienda di automobili in difficoltà, che perde tutti i giorni quote di mercato, investa soldi in un giornale. Per non parlare di Della Valle che è arrivato a scrivere una lettera al presidente Napolitano. Quando si tratta di società quotate in Borsa chi le vuole avere le deve comprare, mentre non ha senso invocare un intervento del Presidente della Repubblica in nome della difesa della libertà di stampa.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.