BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

PRIVATIZZAZIONI/ Forte: ecco come evitare di "regalare" Eni, Enel e Finmeccanica

Fabrizio Saccomanni (Infophoto)Fabrizio Saccomanni (Infophoto)

Se noi usiamo come garanzia collaterale del nostro debito quote di beni pubblici, che naturalmente siano redditizi, riusciamo a ridurre il rischio dell’investimento nel debito pubblico. Privatizzandolo lo rendiamo più appetibile. Questi collaterali alla fine potrebbero diventare degli swap. Detto in altre parole, chi possiede una quota di queste imprese, come collaterale del debito pubblico, potrebbe convertire il debito pubblico in queste imprese pro quota.

 

Può fare un esempio?

Ad esempio, se il collaterale è un quarto del valore del debito, mettiamo 50 miliardi, con quella cifra si possono garantire 200 miliardi di debito pubblico (4 volte il valore del collaterale) rendendolo più sicuro. Nello steso tempo chi possiede una parte di debito pubblico potrebbe aspirare a diventare proprietario di questi beni. Con uno swap, un’opzione. Questo schema andrebbe utilizzato con fondi di investimento italiani, assicurazioni sulla vita italiane, risparmio gestito italiano e altri soggetti del nostro Paese.

 

Quali sarebbero i vantaggi?

In questo modo riusciremmo a ridurre il debito pubblico incrementando la ricchezza privata.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
22/07/2013 - aspettando le elezioni settembrine tedesche (antonio petrina)

Aspettando le elezioni settembrine della germania e la riforma del fiscal compact alla luce delle riforme strutturali ,l'Italia con il suo avanzo primario,doppio di quello teutonico,dovrà uscire dalla stagnazione non con formule di ingegneria finanziaria ( leggi: privatizzazioni di partecipazioni redditizie , anzi promesse di vendite a garanzia ( rectius: collaterale )della riduzione del debito pubblico ( forse?) ,ma come propose invano nel 70-75 il prof Reviglio con la riduzione della spesa pubblica improduttiva di cui quella previdenziale è già stata toccata dalla prof.ssa Fornero ed utilizzando quei nuovi risparmi non alla riduzione del debito tucur (che è il fine ), ma rinunciare a risparmiare per investimenti produttivi ( che è lo strumento vero per ridurre il debito): tertium non datur (Einaudi)!

 
21/07/2013 - commento (francesco taddei)

la golden share non riguarda le controllate minori(tipo augusta westland). allora perchè dovrebbero restare in italia? ecco perchè serve che restino italiane. oltre a non regalarle allo straniero come fatto da prodi e amato nel '92.