BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FISCO/ Fassina: esiste un’evasione di sopravvivenza

Stefano Fassina, viceministro dell’Economia del Partito democratico ed espressione dell’anima più di sinistra del partito, ha dichiarato che esiste un'evasione di sopravvivenza.

infophoto infophoto

Enrico Letta si era scagliato con durezza contro gli evasori fiscali e contro chi porta i capitali all’estero, facendogli presente che, rispetto a 5-10 anni fa, la situazione è cambiata, e che l’Italia non è più disposta a colpirli. Così, li aveva invitati a riportare i propri soldi in Italia. Confcommercio, in un recente studio, gli ha di fatto dato ragione, sottolineando come il sommerso economico italiano ammonti addirittura al 17,4% del Pil, ovvero 272 miliardi. Fatte queste premesse, non ci si aspetterebbe proprio che, in difesa di chi non è un evasore, ma si trova costretto a certi comportamenti, corra proprio Stefano Fassina, viceministro dell’Economia del Pd ed espressione dell’anima più di sinistra del partito. «Esiste un'evasione di sopravvivenza. Senza voler strizzare l'occhio a nessuno senza ambiguità nel contrastare l'evasione ci sono ragioni profonde e strutturali che spingono molti soggetti a comportamenti di cui farebbero volentieri a meno», ha spiegato Fassina al convegno Confcommercio. Secondo lui, inoltre, è necessario scongiurare l'aumento dell'Iva e «contemporaneamente rivedere l'Imu». La sua proposta, ovviamente, si distanzia da quella del Pdl, che vorrebbe l’eliminazione totale, e prevede che l’imposta sia mantenuta sugli immobili di maggior valore. «Si potrebbe eliminare l'Imu prima casa per "l'85% delle famiglie» e destinare le risorse derivanti dall’imposta sul 15% a «interventi fiscali sui redditi più bassi, a sostegno dei consumi, o a sostegno della cassa integrazione in deroga».

© Riproduzione Riservata.