BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

FINANZA/ Forte: così ci salveremo dall’attacco di agosto

Secondo FRANCESCO FORTE gli investitori, pur vendendo i propri Bund, non acquisiscono Bpt per una semplice ragione: preferiscono mettere i propri soldi nelle attività produttive

infophoto infophoto

C’è qualcosa che non torna. Il tasso dei Bund decennali tedeschi, dall’inizio della settimana, è salito di 0,16 punti percentuali, arrivando a quota 1,68%. Questo perché gli investitori hanno iniziato a vendere, e hanno iniziato a vendere perché ritengono che la situazione sia leggermene migliorata. I titoli tedeschi, infatti, sono il bene rifugio tradizionale. Tanto sicuri, quando poco redditizi. Ma allora, se la tempesta si è placata, perché la gente non acquista titoli di Stato italiani, meno sicuri ma decisamente più redditizi dei Bund? Date le premesse, dovrebbe essere questa la dinamica più logica. Invece, non solo i rendimenti dei Btp sono lievemente aumentati, ma lo spread è pure rimasto intorno a quota 300. Agosto è alle porte, è c’è da temere un nuovo attacco finanziario. Questa volta, tuttavia, potrebbero essere le nostre banche a rischio di saltare in aria, considerando le attuali sofferenze e che, dal 2011, si sono riempite di titoli di Stato utlizzando i prestiti della Bce. Abbiamo parlato di tutto ciò con Francesco Forte, economista ed ex ministro delle Finanze.  

Perché non aumentano gli acquisti dei nostri titoli di Stato?

Perché chi vende Bund non lo fa per comprare titoli italiani, ma per investire maggiormente nelle attività produttive che, attualmente, sembrano più attraenti in quanto una seppur minima ripresa, effettivamente, c’è. Tutto ciò non ha un’enorme dimensione, ma è conseguente al lieve miglioramento dell’indice di previsione delle imprese, tornato di poco sopra lo 0. Tuttavia, tale indice è il frutto di una media che comprende anche i Paesi dell’Est Europa.

Quindi?

In Italia, come in Portogallo, Spagna e  Grecia, l’indice non denota alcun ottimismo. In Italia, un minimo miglioramento, a dire il vero, c’è stato, ma non è percepibile in maniera sensibile perché permangono le incertezze sulla linea di politica economica di questo governo, spesso in contraddizione con se stesso.  

Rischiamo, ad agosto, l’ennesimo attacco speculativo come nel 2011?


COMMENTI
27/07/2013 - Evasori delinquenti2 (Diego Perna)

...occupazione sul territorio. Nessuno mi puó dire che non é così, l'Agenzia delle Entrate invia lettere minacciose anche a chi non possiede nulla, se non lo spazio in cui lavora, a volte in affitto, perché non riesce ad essere congruo alle poche migliaia di euro che obbligatoriamente é costretto a guadagnare. Ovvio che si potrebbe cambiar lavoro, solo che non esiste nel raggio di 10000 km almeno. Sono stufo di quanta ipocrisia ci sia in giro. Buona giornata

 
27/07/2013 - Evasori delinquenti (Diego Perna)

Tutti gli evasori sono delinquenti a prescindere, causa di tutti i mali d' Italia. Che Fassina, ma potrebbe essere chiunque, si guardi intorno tra artigiani, piccole botteghe e lavoratori autonomi in genere, e dica una cosa vera e che tutti sappiamo, cioè che c' é un' evasione di sopravvivenza, ma nessuno deve raccontare (sopratutto il vice all' economia e del Pd tra l' altro) perché sennò come conseguenza, anche se indiretta, ci si alza lo spread e si scatena un piccolo putiferio, immediatamente sedato, che ari-sennò si istiga alla sopravvivenza dei poveracci, e questo non é permesso, l' Europa ce la farebbe pagar cara e i mercati anche di più, sono affermazioni intollerabili alle persone brave e per bene, che pagano tutte le tasse, e che hanno uno stipendio assicurato dallo stato o dall' Universitá, che é uguale. Io ancora, dopo 4 anni di crisi devastante, perché é devastante cosa che non si dice sempre a causa del cane da guardia Spread, mi chiedo che convenieza ha lo Stato a farci chiudere bottega e non incassare neanche quel poco che con sacrifici dilazioni, rate e mutui riusciamo ancora a versare, anche perché, inutile far finta di nulla, il fisco é come una rete a strascico che prende raramente qualche pesce grosso, ma sempre piccolissimi pesci , molluschi e granchi ma distruggendo i fondali, e dove per anni non si svilupperà più alcun tipo di flora o fauna. Stiamo con tutte le armi possibili, cercando di distruggere il tessuto delle Pmi , le uniche a poter garantire..