BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

IL CASO/ Il "fascismo" delle tasse svelato da un questionario

Ai clienti di professionisti ritenuti evasori fiscali sono inviati dei questionari cui è obbligatorio rispondere, pena multa e il rischio di una denuncia. Il commento di RAFFAELE IANNUZZI

InfophotoInfophoto

Quando studiavo all’Università di Pisa, dipartimento di Filosofia, seconda metà degli anni ‘80 del secolo scorso, ero un antifascista scontato, di quelli che non potevano essere antifascisti. Analogamente a ciò che canta Gaber in “Qualcuno era comunista”: “La stampa, la cultura…tutti erano comunisti”, più o meno. Ecco, io non ero comunista - questa perversione non l’ho mai coltivata, mi sono dedicato ad altri generi di perversioni -, ma da socialista marxista e libertario, beh non potevo non essere fieramente e graniticamente (cioè, stolidamente) antifascista. Poi venne De Felice, la sua revisione storiografica sul Ventennio, e infine, diciamolo pure, gli uomini fortunatamente cambiano (smentendo il meraviglioso testo della canzone cantata dall’assoluto genio musicale di Mia Martini: cambiano, eccome, gli uomini). Insomma, alla fine della fiera, mi ritrovai non più antifascista a diciotto carati e soprattutto consapevole di una verità storica che mi consente di arrivare al punctum dolens che intendo affrontare: la democrazia italiana è stracolma di subcultura fascista.

Un esempio? E così arriviamo al punctum dolens: il questionario che la Guardia di Finanza sta inviando ai clienti dei professionisti, e in generale alle partite Iva, sospettati di essere evasori fiscali (dunque, arriverà anche al sottoscritto…brrr): siamo alla delazione di Stato. Né più, né meno. Con il massimo rispetto che si deve alle istituzioni e qui viene in soccorso finanche San Paolo, che chiede ai cristiani di sottomettersi umilmente alle leggi dello Stato, ma di questo si tratta. Voglio dire: tocca a te, Stato, pescare chi evade e farti pagare il dovuto, non a me. Non è vero che io debba per forza aiutarti in ogni modo a fare qualcosa che spetta soltanto a te, Stato, anche perché questa presunzione afferisce al Leviatano, il cui marchio di fabbrica è: “Auctoritas aut potestas, not veritas facit legem”. Tradotto: chi comanda impone la verità di Stato a tutti.

Niente da fare, questo è fascismo larvato e subcultura della delazione. Potrebbe essere accettato - non da me, perché su questo non sono per la zona grigia - un questionario inviato, facoltativamente e senza alcuna contromisura, ai cittadini, tramite il quale si chiede di vagliare spese, costi, fatture, ecc. Ma non è assolutamente accettabile - né in punta di diritto, né in ambito di diritto naturale - che un’Arma dello Stato, un corpo dello Stato, dunque lo Stato, si arroghi il diritto di penetrare dentro la sfera della coscienza e perché no dell’amicizia fra un professionista e un cittadino suo cliente, onde minare un ordine umano e naturale, pretendendo, pena una multa salata o addirittura il ricorso penale, tutta la verità su qualcosa già, peraltro, dichiarato nella denuncia dei redditi e, perciò, già agli atti.