BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

I 100 GIORNI DI LETTA/ Fassina: basta tasse, nessuna stangata a ottobre

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

infophoto  infophoto

Più politiche per lo sviluppo e meno austerità sono un traguardo che non si ottiene in poche settimane. Il governo deve insistere, quindi, sulla strada di una radicale revisione delle politiche economiche europee, chiaramente insostenibili, e colpevoli dell’aggravio della recessione, della disoccupazione, e del debito pubblico dell’Eurozona del 30%. Quel che è certo è che Letta ha un’enorme credibilità personale, mentre le larghe intese, nonostante i numerosi difetti, conferiscono la forza di una maggioranza molto ampia, in grado di condizionare l’Ue rispetto al cambiamento di rotta. 

 

Cosa si attende dalle elezioni in Germania?

 

Che ci consegnino una Germania che guarda con meno ideologia al proprio interesse nazionale.

 

Agosto non  è ancora trascorso. Il rischio di un attacco speculativo devastante, anche in relazione alla sentenza Mediaset, esiste?


Non credo. Anche perché, al di là delle dichiarazioni iniziali, chi puntava a ricattare il governo in relazione alle vicende giudiziarie di Berlusconi ha dimensionato i propri obiettivi; inoltre, la Bce continua a svolgere una funzione di deterrenza, mentre i conti pubblici sono sotto controllo.



Quindi, niente stangata in autunno?


No, perché a differenza degli anni scorsi, non è più un tabù affermare che continuare a tassare abbia comportato più disoccupazione, recessione e debito pubblico. Di questo ne è convinto il Fmi, ma non ancora la Commissione Ue.

 

Resta ancora da sciogliere il nodo fiscale.


È in discussione alla commissione Finanze della Camera la delega fiscale, ripresa a partire da dove la lasciò la legislatura precedente, che dovrebbe essere approvata in autunno e consentire decreti delegati sul fisco, accompagnati da un recupero di evasione destinata al 100% alla riduzione delle imposte sui fattori produttivi.

 

Riuscirete a fare tutto senza che cada il governo?


La nostra intenzione è continuare a realizzarne il programma. Se altre forze politiche hanno obiettivi diversi, decidano come comportarsi. 

 

(Paolo Nessi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
07/08/2013 - la nuova missiva della BCE (antonio petrina)

La nuova ideale missiva della Bce(vedi editoriale di Cingolani) direbbe che è inutile e dannosa l'austerità e la regola aurea sono gli investimenti produttivi e molta spending e molta revieuw ( non lineare) ,con strumenti idonei ,non come quelli apprestati dal governo tecnico ,ecc. in una parola: risparmi per investirli produttivamente ovvero chi ben comincia è a metà dell'opera!