BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

I 100 GIORNI DI LETTA/ Fassina: basta tasse, nessuna stangata a ottobre

STEFANO FASSINA ci spiega tutti i provvedimenti che, da viceministro dell’Economia, rivendica con orgoglio, e quali sono le priorità per i prossimi mesi, a partire dal rilancio della domanda

infophoto infophoto

A 100 giorni dall’insediamento di un governo è consuetudine fare il punto sulla situazione. 100 giorni sono passati. Quindi? I suoi detrattori dicono, ovviamente, che l’Italia è sull’orlo del baratro, siamo a rischio guerra civile (no, non parliamo di Bondi), tutti gli indicatori sono peggiorati, ad autunno faremo la fame. I sostenitori ci allietano con “l’uscita dal tunnel”, “la ripresa è vicina”, “la recessione è finita”. Monti, un anno fa, si esprimeva nei medesimi termini. Stefano Fassina è difficilmente annoverabile tra gli uni o gli altri, pur facendo parte del governo, come viceministro all’Economia. Per questo, il punto sulla situazione, lo abbiamo fatto con lui.


Sul fronte economico, cos’ha fatto di buono il governo?

Il provvedimento di sblocco dei crediti vantati dalle imprese nei confronti delle pubbliche amministrazioni è stato piuttosto positivo. Ha iniettato nel sistema grande liquidità e se alcuni indicatori economici sono leggermente migliorati lo si deve a questo.

Non si contano i decreti di sblocco dei pagamenti alle imprese. Questa è la volta buona?

Sì, perché è la prima che si mettono sul piatto risorse fresche ed effettive.

Cos’altro sottolineerebbe dell’attività del governo?

Grazie al decreto di rifinanziamento della Cassa integrazione in deroga, migliaia di lavoratori continuano ad avere un minimo di reddito e a poter consumare. Altra misura molto importante è stata il decreto del fare, con lo sblocco di 4 miliardi di interventi strutturali. Rinviare la prima rata del pagamento dell’Imu ha dato una boccata d’ossigeno a molte famiglie, mentre è stato scongiurato l’aumento di un punto di Iva e l’ulteriore stretta ai consumi. Ci tengo a far presente che ho sottolineato tutti gli interventi volti a sostenere la domanda: degli investimenti e delle famiglie, principale fattore per il rilancio dell’Eurozona.

Cosa non è stato fatto?

Avrei voluto aumentare le risorse a disposizione dei pagamenti delle Pa verso le imprese.

Perché non ci è riuscito?

Ci sono state valutazioni diverse, all’interno del governo, rispetto alla possibilità di ampliare l’intervento.

Quali sono le priorità per i prossimi mesi?

Dobbiamo usare i margini di manovra derivanti dal rientro dalla procedura per deficit eccessivo per allentare il patto di stabilità interno e consentire ai comuni di riavviare i cantieri per le piccole opere. Anche questo provvedimento andrebbe nella direzione della promozione della domanda. Dato che non ci siamo riusciti ora, sarebbe opportuno, a breve termine, sbloccare almeno altri 20 miliardi di pagamenti per le imprese. Dovremo, poi, rifinanziare la Cig e affrontare il dramma degli esodati.

In Europa come ci stiamo muovendo?


COMMENTI
07/08/2013 - la nuova missiva della BCE (antonio petrina)

La nuova ideale missiva della Bce(vedi editoriale di Cingolani) direbbe che è inutile e dannosa l'austerità e la regola aurea sono gli investimenti produttivi e molta spending e molta revieuw ( non lineare) ,con strumenti idonei ,non come quelli apprestati dal governo tecnico ,ecc. in una parola: risparmi per investirli produttivamente ovvero chi ben comincia è a metà dell'opera!