BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SETTEMBRE 2013/ L'Europa delle banche non aspetta il Letta-bis

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Da un lato, anche a livello tecnico (non solo a quello politico) ci sono differenze profonde sul primo pilastro e si è molto distanti dagli altri due. Da un altro, anche se i sondaggi affermano che dalle elezioni politiche tedesche in calendario il 22 settembre non dovrebbero uscire mutamenti di rilievo, è oggettivamente difficile forzare il passo pur se solo sul primo pilastro dell’unione bancaria in attesa di sapere come sarà composto il Bundestag e quale sarà la struttura del Governo della Repubblica Federale. Altri due Stati dell’UE hanno elezioni politiche tra settembre ed ottobre: Austria e Lussemburgo. Le fragili maggioranze in Grecia e Portogallo potrebbero portare alle urne anche là. E l’Italia? Dopo le ultime dichiarazioni di Silvio Berlusconi, a Bruxelles si contano i giorni del Governo Letta e nessuno scommette su un forte e duraturo Letta-bis. Nessuno, quindi, pare in grado di prendere difficili decisioni in tema di unione bancaria. Ed ancor meno ad assumere impegni per una posizione comune all’assemblea del Fondo monetario e della Banca mondiale specialmente in temi di cosa per la crescita del continente che pare , oltre che vecchio, stanco. La strada è tutta in salita e piena di trabocchetti.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.