BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

FINANZA/ Giannino: ecco perché l'Italia sbaglia a fare i conti

Secondo OSCAR GIANNINO, sono ormai vent’anni che la politica e i governi italiani si impongono delle regole che, alla prova dei fatti, non sono nelle condizioni di rispettare

InfophotoInfophoto

Abbiamo scherzato. La permanenza nel tetto del 3% del rapporto deficit/Pil non è durata neanche il tempo di smaltire l’entusiasmo. Il governo, come ha rilevato Enrico Letta in conferenza stampa, al termine del Consiglio dei ministri, ha rivisto in negativo le stime del Pil per il 2013, fissandolo al -1,7%. Contestualmente, il rapporto deficit/Pil salirà al 3,1%. «L'interruzione della discesa dei tassi e la ripresa dell'instabilità politica pesa sui conti e per questo non siamo stati in grado di grado di scrivere oggi 3%», ha spiegato il premier, mentre dal centrodestra giungeva una minaccia: se per mantenere gli impegni con l’Europa si aumenta l’Iva, salta il governo. Abbiamo fatto il punto sulla situazione con il giornalista economico Oscar Giannino.

Perché le stime prevedono di nuovo uno sforamento?

Siamo alle solite. Siamo un Paese in cui la politica e i governi che si succedono hanno sottoscritto, negli anni, delle regole ma non si sono mai messi nelle condizioni di rispettarle. Quanto accade non è un sorpresa o una maledizione dell’euro: si tratta del frutto di un comportamento complessivo che si è protratto negli anni.

Un governo forte e autorevole cosa avrebbe dovuto fare?

Ridurre seriamente la spesa pubblica. Non solo per ridurre il deficit, ma anche per trovare le coperture per abbassare le tasse sul lavoro e sulle imprese. Non avendolo fatto, ogni volta che incombono delle scadenze, ci si rende conto del fatto che la coperta è corta.

Nell’imputare all’instabilità politica la colpa dello sforamento c’è del vero?

Indubbiamente, l’instabilità ha un peso enorme rispetto al giudizio che i mercati danno sul rischio del debito sovrano. Cosa ben diversa è l’operatività dei governi.

Il Pd rinfaccia al Pdl di averne paralizzato l’azione impuntandosi con l’abolizione dell’Imu.

È vero. Ma era la condizione di partenza delle larghe intese. A maggior ragione, per trovare le risorse per rilanciare la crescita, il governo avrebbe dovuto fare e tagliare di più.

Sin qui lei ha descritto delle colpe “omissive”. Ci sono delle responsabilità “attive” in tutto ciò?

Se guardiamo al bilancio degli ultimi 12 anni di euro e a quello ventennale della Seconda Repubblica, i saldi di finanza pubblica (sempre all’inseguimento della spesa) sono sempre stati garantiti con l’aumento delle tasse. Non c’è dubbio, inoltre, che Monti abbia inferto particolarmente, con quasi 20 miliardi di euro di tasse in più. È pur vero che ha tagliato 12 miliardi di spesa. Se anche gli altri governi precedenti avessero prodotto una tale contrazione della spesa primaria, oggi non saremmo in queste condizioni. È chiaro, quindi, che le tasse siano il nostro primo problema.

Perché Saccomanni, invece, continua a parlare di crescita («nel 2014, +1%»)?