BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TELECOM ITALIA/ 2. Forte: un "affaruccio" da seconda Repubblica

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

L'errore fu all'inizio, quando si distrusse Italtel, che fu addirittura “cannibalizzata” da Romano Prodi e dalle sue scelte, non solo in questo settore. Il seguito è determinato dalla prassi ormai consueta nel capitalismo italiano. Si privatizza, non si sviluppa assolutamente nulla, non si modernizza nulla, si gestisce anche male e alla fine si fanno, appunto, “affarucci”. Contemporaneamente ci si fanno gli sgambetti l'uno con l'altro. A me viene in mente una sorta di “Disfida di Barletta” al contrario. La sequenza di come ci si è opposti alla “banda larga”, solo perché tra i soggetti finanziari poteva entrare Mediaset è impressionante. Partecipai direttamente al dibattito sul progetto.

 

Ma il problema sta nella privatizzazione?

Il problema sta nel come è stata realizzata e come si è proseguito in questi anni. Alla fine qui, nel caso di Telecom Italia, siamo di fronte a una perdita enorme per scelte fatte senza criterio.

 

(Gianluigi Da Rold)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.