BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BEPPE GRILLO/ L’Italia 49esima per competitività? Colpa di tasse, p.a. e giustizia

Pubblicazione:giovedì 5 settembre 2013

Infophoto Infophoto

Il blog di Beppe Grillo interviene sulla rilevazione del World Economic Forum, la classifica realizzata dal quale ci piazza al 49esimo posto per competitività, ovvero 7 posizioni in meno rispetto allo scorso anno, alla stregua del Kazakistan, collocato nella medesima posizione. Marco Di Gregorio, autore del post, fa presente che la classifica è il frutto di 114 differenti valutazioni. «A tenerci in questa posizione è in primo luogo la dimensione di quella che resta una delle prime dieci economie del pianeta e l'eredità di un recente passato da benestanti». Tra i problemi maggiori, vi è il fatto che tra pubblico e privato, tra istituzioni e imprese, il gap sia più alto che in qualunque altro Paese del resto del mondo. «Nella sfera imprenditoriale e dell'Innovazione siamo in quasi tutti i fattori davanti alla nostra media». Per quanto riguarda, invece, le istituzioni, siamo sotto la media in addirittura 20 parametri su 22. Se siamo l’unico Paese del G7 che, attualmente, è ancora in recessione, è perché, tra le altre cose, il nostro sistema giudiziario è al 145esimo posto, mentre rispetto alla regolamentazione ci «sono solo 2 paesi su 148 peggio di noi». Come debito pubblico, invece, fanno peggio di noi solo in 4 mentre, per quanto riguarda la tassazione, siamo proprio gli ultimi.



© Riproduzione Riservata.