BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CADE LETTA?/ 1. Forte: tre motivi per votare subito

Pubblicazione:

Enrico Letta (Infophoto)  Enrico Letta (Infophoto)

Noi possiamo prendere la coda di questa ripresa, ma sarà una ripresa soprattutto degli altri. Perché la mancata crescita in Italia è ormai dovuta a motivi endogeni, a scelte di politica economica sbagliata, alla mancanza di riforme che non si vogliono fare. Io credo che ormai si debba prendere atto che l'Italia, con le ultime scelte di politica economica che sono state attuate, non è più la quinta potenza industriale.

 

I mercati finanziari ci stanno osservando. La lettura dell' andamento della Borsa di mercoledì sembrava riflettere le incertezze più accentuate su un'imminente crisi di governo, dopo le dichiarazioni di Berlusconi.

Non è una lettura corretta. L'andamento dei mercati riflette quello che tra pochi mesi dovrà inevitabilmente avvenire. Mi spiego. La ripresa in America c'è ed è anche consistente, ma nel giro di qualche mese la Fed dovrà aumentare il tasso d'interesse perchè ha già inondato i mercati di liquidità e non può farlo ancora per molto tempo. Io credo che questa sia la lettura più corretta.

 

Una crisi ci esporrebbe a nuovi rischi sui mercati. Credo che su questo punto lei converrà.

E' evidente che una crisi di governo peserà. Ma per dirla tutta fino in fondo, io credo che sia meglio affrontare due mesi difficili, piuttosto che ritrovarci tra sei mesi in una situazione economica ancora difficile, senza sbocchi, esposti alle incursioni di tutti gli acquirenti di quello che resta nel nostro Paese. E' per questo che preferirei una crisi di governo e nuove elezioni e poi un governo di solida maggioranza che volti pagina, faccia le riforme e ponga le premesse per una autentica ripresa dell'Italia. A mio parere, ripeto, indipendentemente dalla decadenza o meno di Berlusconi, questo governo ha fatto poco e male, proseguendo nella linea del governo Monti.

 

(Gianluigi Da Rold)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.