BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SPY FINANZA/ Così il Portogallo può far saltare l'Europa

Dal Portogallo, Paese salvabile ma pericolosamente interconnesso all'economia e al sistema bancario spagnolo, potrebbe nascere una nuova tempesta dello spread. Ne parla MAURO BOTTARELLI

Fotolia Fotolia

«I bond governativi saranno trattati nella Asset Quality Review esattamente come prevede il principio regolatorio di Basilea: a rischio zero». Sta tutto in questa frase di Mario Draghi nel corso della conferenza stampa di giovedì il senso di quanto sta per accadere: il rischio di un nuovo attacco sull’obbligazionario, un’altra tempesta dello spread. Ritengo superfluo spiegare per l’ennesima volta il discrimine fondamentale del concetto di risk-free, ma lo farò ugualmente: senza quella garanzia, alle banche potrebbero essere chiesti accantonamenti a bilancio per far fronte a potenziali perdite sui titoli di Stato detenuti in portafoglio. E qui cominciano le sorprese.

Ieri, infatti, Banca d’Italia ha pubblicato i dati di novembre su depositi bancari e portafoglio titoli di Stato delle banche operanti in Italia. I dati relativi a ottobre avevano evidenziato un incremento del 5,4% dei depositi, un calo del 4,9% dei prestiti alle imprese (il dato più pesante da luglio 2011) e dell’1,3% per quelli alle famiglie: stabile invece, ai massimi dal 1998, il tasso di crescita delle sofferenze, al 22,9%. Insomma, un disastro totale, un sistema a pezzi. In compenso, per quel che riguarda il portafoglio di titoli di Stato della zona euro detenuti dalle banche italiane, i dati di ottobre avevano mostrato un incremento del controvalore a 399,545 miliardi di euro, incremento confermato a novembre a quota 402 miliardi.

È tornata poi ad aumentare, come vi avevo detto pochi giorni fa, l’esposizione delle banche italiane ai fondi Bce a fine 2013, complice il vistoso incremento dei fondi chiesti e ottenuti nelle operazioni a sette giorni, che ha compensato ampiamente la variazione negativa dei finanziamenti a lungo termine, Ltro in testa. Peccato che questo significhi due cose: primo, le banche italiane avevano scaricato parecchio debito per abbellire i bilanci, ma negli ultimi mesi dell’anno hanno ricominciato a comprare debito, verosimilmente italiano e spagnolo. Guarda caso, con il contemporaneo innalzamento da “taper” del rendimento del Bund, ecco il miracolo dello spread sotto quota 200. Secondo, per acquistare le banche si indebitano a breve con la Bce, invece che erogare credito a famiglie e imprese, calcolando che devono ancora ridare circa 100 miliardi delle due aste Ltro.

Ora, al netto del parafulmine garantito da Draghi - in spregio alla volontà della Bundesbank - non c’è comunque da stare tranquilli: il timing con cui il governatore ha annunciato la cosa è sospetto. I criteri definitivi della Asset Quality Review dovevano infatti essere svelati a fine mese, ma con ampio anticipo Draghi si è premurato di mettere la parola fine sulla questione più annosa. Sa che qualcosa sta per succedere. E presto. Basti guardare cosa sta accadendo sui mercati obbligazionari sovrani e su quelli azionari. La Spagna è sui massimi, viaggia con uno spread più basso del nostro e l’Ibex sembra Wall Street, a fronte di dati macro del Paese che conoscete da tempo.


COMMENTI
11/01/2014 - Sarà SPY FINANZA.... ma tutti i giorni? (luca castagnetti)

Mi chiedo e chiedo a all'Autore perchè tanta competenza non sia spesa ogni tanto (senza esagerare) per scoprire qualche elemento non dico positivo ma almeno meno traumatico? grazie