BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Monti, Letta e il "bluff" che ci avvicina alla Grecia

Pubblicazione:sabato 18 gennaio 2014

Enrico Letta e Mario Monti (Infophoto) Enrico Letta e Mario Monti (Infophoto)

Ma continuiamo a leggere l’articolo: “Lo spread aveva sforato quota 200 nel luglio 2011. Per quattro mesi si era impennato fino a toccare il massimo (574 punti) il 9 novembre 2011, malgrado i consistenti acquisti della Bce... Da quel picco, lo spread è sceso a oggi di 374 punti. Durante i 17 mesi del governo insediatosi nel novembre 2011, si è registrata una diminuzione di 302 punti. Nel corso degli 8 mesi del governo Letta, si è avuta una ulteriore discesa di 72 punti”.

A parte la menzogna sui “consistenti acquisti della Bce”, tutto il resto... è falso. Cioè, detto così, si attribuisce un merito che non esiste. Perché non esiste? Ma perché lo spread è una differenza tra due titoli (italiano e tedesco) e se la differenza diminuisce, non è detto che sia calato un titolo, ma magari è salito l’altro. In effetti, dal luglio 2011 a oggi, il titolo tedesco è passato dall’1% al 2%. Quindi 100 di quei 374 punti sono svaniti. Inoltre, allora l’inflazione era al 3%, oggi è allo 0,7%. Altri 230 punti svaniti. Rimangono le briciole.

Qualcuno potrebbe obiettare: ma insomma, oggettivamente lo spread sta scendendo in questi ultimi mesi (cioè, pochi mesi fa, nonostante la salita del titolo tedesco e l’inflazione in calo, grazie al governo Monti-Letta avevamo ugualmente lo spread alto). Ebbene sì, oggettivamente nel 2013 una discesa dello spread c’è stata, e il motivo vero è dovuto alla fuga di capitali dai paesi emergenti, i quali non offrono più rendimenti soddisfacenti e mantengono certi rischi, come testimoniato da un articolo de Il Sole 24 Ore. Quindi quei capitali sono tornati sui mercati finanziari europei. E poi non dimentichiamoci che la Fed continua a immettere 75 miliardi di dollari ogni mese. Certo, quella liquidità finisce soprattutto sul mercato finanziario Usa. Ma non solo.

Allora, il governo Monti-Letta non ha alcun merito? No, un merito ce l’ha. Ricordate il video in cui Monti affermava (nel settembre 2011, è bene ricordare la tempistica, perché la tempistica è tutto e il tempo è frattale) che “il grande successo dell’euro è la Grecia”? Ebbene, secondo un recente sondaggio, il partito Alba Dorata è ormai stabilmente al primo posto, con il 26% delle preferenze della popolazione. Sì, Alba Dorata, quello che tutti chiamano fascista, quello il cui leader è in galera perché ritenuto in qualche modo responsabile dell’omicidio di un rapper di sinistra, quello a cui dopo pochi giorni hanno ammazzato due simpatizzanti e nessuno è finito in galera. Proprio quello. Inoltre, bisogna ricordare che l’80% dei condomini ad Atene ha rinunciato al riscaldamento, perché divenuto un costo insostenibile. Quindi le famiglie si riscaldano con caminetti e stufe improvvisate; e si sono moltiplicati i morti per asfissia e i casi di incendi accidentali.

Questo è sicuramente un merito del governo Monti, cioè il timing. Prepariamoci, perché l’attuale governo ci sta portando sulla stessa strada. Cioè sul lastrico.

 

P.S.: Scena accaduta in farmacia, testimone mia moglie. Una signora anziana in fila davanti a mia moglie dice al farmacista che questa volta prende “una sola scatola, perché non ho i soldi, passerò tra qualche giorno quando ho i soldi”. Costo della scatola, 1,34 euro. Commenti?



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
18/01/2014 - commento (Diego Perna)

Da un pó di tempo a questa parte le parole contano più dei fatti , tutto qui. Siccome non tutti sono stati educati alla ricerca del vero, anche nelle cose meno metafisiche, ma importante è l' idea che ci si fa della realtá e non la realtá in se stessa, tutto é facilmente manipolabile, il potere é di fatto usare questa prerogativa su tutti i fronti della vita della gente. Solo uno fu capace di dire che il re era nudo, un bambino del resto, gli altri, o per comoditá o per cecitá non seppero dirlo. Non credo che ce ne usciremo nè da questa crisi nè dall' euro, che comunque è solo una delle cause, la finanza e i poteri si stanno organizzando per mantenere il sistema che garantisce loro la sopravvivenza a prescindere dai popoli. Spero in qualcosa di nuovo, perché ció che Lei ha visto in farmacia è niente rispetto al fatto che vedo ormai sempre qualcuno che fruga nell' immondizia, e non sono extracomunitari, ma miei concittadini, anche se lo spread é calato, la disoccupazione è prevista in aumento! Questo é un dato, ma sembra non fare testo, si dice che è l' onda lunga della crisi. Buona Giornata