BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SPY FINANZA/ I guai della Cina che fanno tremare il mondo

«Il rallentamento, giudicando dai dati di dicembre, è riconducibile all’andamento più debole di produzione e investimenti, che potrebbe riflettere condizioni più rigide di accesso al credito», spiega Craig Botham, Emerging Markets Economist di Schroders. «Le autorità politiche cinesi dovrebbero focalizzarsi sul supportare la crescita», ha aggiunto Qu Hongbin, capo economista di Hsbc per la Cina. Senza dimenticare che nei giorni scorsi è emerso anche un rallentamento a dicembre della produzione industriale dal 10% di novembre al 9,7% anno su anno, mentre gli investimenti in infrastrutture sono calati fortemente, contraendosi del 3,2% anno su anno. «Con condizioni del credito più rigide e in particolare con controlli più stretti sull’indebitamento dei governi locali, è difficile pensare che gli investimenti in infrastrutture possano registrare performance elevate nell’anno in corso. Nonostante la Cina sia riuscita a chiudere piuttosto bene il 2013, prevediamo un andamento più debole in futuro», aggiunge Botham.

Il nodo sono le politiche che il governo cinese sta adottando per scongiurare il pericolo di una crisi creditizia: «La spinta a ridurre il credito e a ribilanciare l’economia potrebbe fare le sue prime vittime, anche se ci aspettiamo che i riformisti rallenteranno il passo nel caso in cui il conteggio delle vittime dovesse salire eccessivamente», conclude sempre Botham. Detto fatto, giovedì la Banca centrale cinese ha immesso sui mercati monetari locali 120 miliardi di yuan, circa 14,5 miliardi di euro, allo scopo di scongiurare una possibile penuria di liquidità alla vigilia delle festività del nuovo anno cinese, in programma per fine gennaio, dopo che già martedì era stata iniettata liquidità per 255 miliardi di yuan. Qualcosa scricchiola a Oriente, il gigante potrebbe avere davvero i piedi d’argilla. E l’andamento del cds a 5 anni, al massimo da sette mesi, come si vede nel grafico qui sotto, ce lo conferma. Ci attendono giorni da fiato sospeso.

 

© Riproduzione Riservata.