BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GEO-FINANZA/ Sapelli: l'Argentina svela la "trappola" in cui può cadere l'Italia

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Eccoci qui. Ancora dinanzi alla prova dell’interconnessione strettissima delle popolazioni organizzative che operano sui mercati imperfetti degli oligopoli finanziari e alla terribile divisione delle politiche dei prestatori in ultima istanza a livello mondiale, ossia le banche centrali. Sembrava da qualche tempo ch’esse potessero contenere gli tsunami delle ondate speculative, ma in verità nella loro divisione puntellavano soltanto la tremenda ineguaglianza che si manifesta nell’economia mondiale, ossia l’insufficienza dei mercati interni dei paesi emergenti, i cosiddetti Brics.

Dinanzi a tale insufficienza occorre porsi la domanda di quale sia la causa della medesima. Essa va ricondotta alla finanza che ha rivolto la gran massa di valore capitalistico verso la rendita ad altissimo livello di rischio anziché verso il profitto, drenando risorse dai mercati interni, impoverendoli e falsificando la tesi che è nell’esportazione la via alla crescita. Essa è, invece, nell’avanzata polisettoriale, sia con le esportazioni, sia con la creazione della domanda effettiva nazionale, pena la crisi che ha già colpito l’Europa deflattiva, stremata dai divari tra il surplus commerciale tedesco e l’insufficienza delle esportazioni degli altri paesi impoverite dal dissanguamento generato dalle errate politiche poste in essere dalle tecnocrazie incompetenti per contrastare l’indebitamento bancario e sovrano e dalle politiche dell’austerità imposte dalla bilancia commerciale teutonica a tutte le altre nazioni.

I Brics, per l’insufficienza dei mercati interni - oltre a provocare la rivolta della nuove classi medie che si vedono prive di beni di uso collettivo, come i servizi infrastrutturali ed educativi che possono solo essere creati dalla domanda effettiva, dalla sussidiarietà e anche da un forte Stato tecnocratico -, sono stremati dalla necessità di importare a fronte dell’assenza di una forte domanda interna, come invece accade negli Usa. Essi importano quote ingenti del Pil mondiale e ne esportano una percentuale irrisoria: hanno un debito estero enorme, ma ciò nonostante crescono di nuovo perché hanno rimesso in moto la domanda effettiva. Se questa non si rianima, in Brasile in Russia in Sudafrica in Turchia e, naturalmente, in Argentina, ecco che le crisi valutarie da insufficienza di risorse finanziarie per pagare le importazioni fanno saltare l’equilibrio instabile della finanza mondiale, con le banche centrali che, pur demiurgiche in questi ultimi anni, a questi grandi movimenti di capitali che si ritirano da codesti paesi non possono opporsi. Ecco le nuove crisi.



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
28/01/2014 - Analisi corretta ma.... (Guido Gazzoli)

L'analisi di Sapelli è corretta nelle sue conclusioni e in molte altre cose , ma credo sia giusto sottolineare alcuni punti. In primis...le esportazioni dell'Argentina , limitandosi al solo mercato agricolo , non rivestono una sostanziale importanza strategica , anche perchè il Governo stesso , nelle sue politiche aberranti e sconclusionate , limita le stesse...in pratica attua una politica economica dell'Harakiri... Poi c'è da considerare il fatto che il regime kirchnerista , attraverso la politica ultrastatalista , ha creato un malcontento generale ma anche una specie di ricatto di massa per cui non è di facile rimozione. Solo un crack improvviso , che è nell'aria , potrebbe far saltare il tavolo , ma in altro modo , con la costruzione del "paese della felicità" attuata a livello di comunicazione tanto simile a quella del generale Peron ( ma con un altro quadro economico )la vedo dura...anche se camminando per Buenos Aires la simpatia con cui viene vista Cristina è uguale a quella con cui si giudicava Videla ( dopo la caduta del regime , ovvio ).