BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SALARIO MINIMO/ Pelanda: ecco cosa c'è dietro la proposta di Obama

Barack Obama (Infophoto) Barack Obama (Infophoto)

Obama alza il prezzo, dichiarando che in quanto sinistra pretende di più. In vista delle elezioni di Mid Term, visti i collegi in cui si sviluppano le elezioni, per poter vincere meglio alcuni seggi Obama ha deciso che bisogna andare un po’ più a sinistra. È quindi un puro fatto di politica interna.

 

Quali ricadute può avere la proposta di Obama a livello geoeconomico, rispetto alla tendenza a comprimere i salari per aumentare la produttività?

I salari non sono compressi ai fini dell’aumento della produttività. La proposta di Obama non ha alcun rilievo geoeconomico, sono solo trucchetti politici e linguaggi da campagna elettorale. La Germania si sta orientando verso una forma di assistenzialismo più forte perché fa parte del contratto siglato tra Cdu e Spd. Alla fine può essere un modo per aumentare i consumi interni della Germania.

 

Quali sono le differenze rispetto alla proposta di Obama?

Obama non ha fatto questa proposta pensando alle conseguenze geopolitiche. Non escludo che in Italia qualcuno coglierà la palla al balzo, per proporre di introdurre lo stesso provvedimento anche da noi. I Repubblicani però non consentiranno mai a Obama di introdurre un provvedimento di questo tipo. Tutto ciò non avrà quindi un impatto né sul dollaro, né sul futuro dell’economia americana.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.