BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPY FINANZA/ La bolla della Fed pronta a far nuovi danni

Pubblicazione:giovedì 30 gennaio 2014

Ben Bernanke (Infophoto) Ben Bernanke (Infophoto)

La mia scommessa è sul primo scenario, stante le crescenti forze deflazionistiche che giungono dal rallentamento della crescita cinese e dal debasement dello yen per effetto dell’Abenomics. E se tra gli operatori si teme un ripetersi della crisi thailandese del 1997, quando la crisi di fiducia nel baht si estese velocemente a tutti i mercati asiatici e da lì su tutti i mercati finanziari internazionali, costringendo diversi paesi a ricorrere agli aiuti di emergenza del Fmi, attenzione alle conseguenze geopolitiche di una crisi figlia legittima delle scelte della Fed e della sua bolla di liquidità. Ieri il rublo russo, un’altra valuta pesantemente sotto attacco, è sceso a un nuovo minimo storico di 48,14 per un euro, sfondando la soglia psicologica dei 48 rubli. Verso il dollaro, la divisa russa quota 35,24, dopo aver superato in mattinata il tetto dei 35 rubli, livello mai toccato dal marzo 2009. E Vladimir Putin non è uomo che subisce un attacco senza reagire, stante le prime avvisaglie sui mercati di quanto vi dicevo la scorsa settimana: l’intenzione di far crollare a breve il prezzo del petrolio.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.