BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TASI 2014/ Si paga entro il 16 ottobre, ma costerà più dell'Imu per il 54% delle famiglie: cosa è cambiato?

Pubblicazione:

Foto: InfoPhoto  Foto: InfoPhoto

TASI 2014 - Giovedì 16 ottobre scade il termine per il versamento della prima rata della Tasi nei 5.279 comuni italiani che hanno deliberato le aliquote entro il 18 settembre. Il pagamento della rata di acconto della nuova imposta sugli immobili interesserà circa quindici milioni di famiglie, chiamate a pagare in media 191 euro ma con punte che raggiungono anche i 492. Lo fa sapere il Forum nazionale delle associazioni familiari, precisando che uno studio del Servizio politiche territoriali della Uil ha confermato che per una famiglia su due (il 54%) il conto è più salato dell'Imu del 2012. "E non è solo questione di aliquote, ma anche di come quelle aliquote vengono applicate", commenta Francesco Belletti, presidente del Forum. L'Imu prevedeva infatti detrazioni parametrate alla famiglia (200 euro forfettari, più 50 di detrazione per membro), ma si tratta di "una logica virtuosa che si sono affrettati a cancellare". In teoria i comuni "avrebbero potuto innalzare l’aliquota della Tasi solo a patto di utilizzare le maggiori entrate per riconoscere detrazioni alle famiglie", ma "nel caos federalista di questa legge - conclude Belletti - non solo si è perso quel poco che era stato riconosciuto dall’Imu ma si è anche dimenticato quanto previsto dalla nuova tassa".



© Riproduzione Riservata.