BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

FINANZA/ Banche e imprese, il risiko che può far ripartire l'Italia

InfophotoInfophoto

Tocca alle banche promuovere una grande stagione di integrazione. In particolare al sistema delle Popolari, cui viene chiesto il salto di qualità. Dopo gli Aqr e gli stress test (comunque opinabili) è importante procedere alla creazione di due poli aggregati attorno all’asse Popolare-Ubi e Bpm-Bper. Guai se stavolta i localismi, le pressioni sindacali o le strettoie giuridiche impediranno un’operazione che dovrà consentire di aggiungere a Intesa e Unicredit due altri cilindri Popolari.

Resta il nodo Mps, che potrebbe finire nel mirino di un istituto internazionale (il Santander, probabilmente), perché né Intesa, né Unicredit possono o vogliono aumentare l’esposizione sul mercato interno.

Chissà, forse non ha torto il Financial Times quando segnala che disporre di quattro grandi banche - con un minor peso debitorio e libere da prestiti zombie - sarà l’arma decisiva per la ripresa del Paese. 

© Riproduzione Riservata.