BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

SPY FINANZA/ La "follia" che spinge al rialzo le borse

InfophotoInfophoto

Ecco, quindi, la seconda incognita: nessuno degli attori sul palcoscenico è un attore di mercato, sono tutte banche centrali che esondano - quando non dimenticano del tutto - il loro mandato di guardiani della stabilità monetaria e anzi dirigono il traffico delle bolle che loro stesse hanno creato e che spingono indici e rendimenti, ovvero prezzi, nella direzione che preferiscono ma non in quella della realtà economica. Per quanto le vere forze di mercato, ammesso che ancora ne esistano, potranno quindi accettare un mondo in cui l’eurozona è in deflazione conclamata, con Berlino sulla soglia della recessione ufficiale, ma il cui debito sovrano viene di fatto prezzato come asset class a rischio zero? C’è ancora un mercato?

Questa è la vera domanda che dobbiamo porci, il resto ormai ha poco senso: comunque vada a finire - e non penso bene - un nuovo ordine economico-finanziario è alle porte. 

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
22/10/2014 - Certezze (Vittorio Cionini)

La situazione é chiaramente fuori controllo. Nessuno ha in mano leve di comando decisive ma sopratutto nessuno é in grado di capire le conseguenze ultime (spesso anche immediate) di qualsiasi decisione venga assunta. L'intreccio di interessi più o meno confessabili é una matassa intricata e fragilissima. Vedere assets colossali perdere o acquistare valore nel giro di pochi secondi sulla base di notizie effimere dà la netta sensazione del castello di carte esposto al primo colpo d'aria. Leggere la notizia che i turchi da oggi aiutano i curdi fino a ieri considerati avversari storici contro o favore di altri ex alleati diventati improvvisamente nemici dà la sensazione della paurosa instabilità politica. Allora ? Cosa dobbiamo fare ? La risposta l'ha data già Lorenzo il Magnifico « Quant'è bella giovinezza, Che si fugge tuttavia! Chi vuol esser lieto, sia: di doman non c'è certezza »

 
22/10/2014 - Nuovo ordine economic? (Renato Mazzieri)

Il 20% della popolazione consuma l'80% delle risorse del pianeta. Per portare il resto della popolazione al livello del 20% che consuma di più bisognerebbe avere quattro pianeti. Che non ci sono. Il nuovo ordine economico deve partire da questa realtà.