BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

MERIDIANA/ I nodi al pettine della "piccola Alitalia"

Aereo Meridiana all'aeroporto di Barcellona (Creative Commons) Aereo Meridiana all'aeroporto di Barcellona (Creative Commons)

Una storia in piccolo come quella di Alitalia, con la differenza che Meridiana è privata anziché pubblica. L’abuso della Cig nella sua durata, da 4 anni, ha fatto pensare che si potesse andare avanti così per sempre. Oggi il sindacato non vuol prendere atto della realtà, ma “resiste” senza sbocco. Ogni giorno che passa la situazione peggiora e l’immagine della compagnia viene sempre più compromessa assieme ai costi.

La consociata Air Italy ha un ottimo mercato. Sta assumendo, paradossalmente, dall’esterno gli equipaggi per soddisfare le sue rotte di lungo raggio per l’Africa, l’Asia, il Sud America e alcune tratte europee. Questi sono spazi di lavoro che dovrebbero essere occupati da alcuni dei 1.600 lavoratori in mobilità. Manager deresponsabilizzati, sindacati seduti sugli allori e ammortizzatori sociali “appaganti” che tutelano sia i lavoratori che il carrozzone aziendale sono i nodi venuti al pettine.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
31/10/2014 - I VERI PRIVILEGI ... QUELLI DEI GIORNALISTI (Franco Zorzo)

Spett. redazione, vorremmo tutti sapere se il giornalista che ha scritto questo articolo subisce degli esami per verificare la propria professionalità, se siano previsti per gli iscritti all'ordine dei giornalisti, quanti ne effettuano l'anno, quanti giornalisti vengono licenziati o perdono il proprio posto di lavoro a causa di esami e controlli molto stringenti, come invece affronta più volte l'anno chi fa il navigante. Chi accerta ogni 4 mesi la professionalità del giornalista ? Che costo ha affrontato il giornalista per "fare" il suo lavoro ? Quali selezioni passa e quali accertamenti continui subisce un giornalista in un anno ? Gli unici privilegi che esistono oramai in Italia sono quelli della vostra casta: l'Ordine dei Giornalisti, vero e proprio baluardo del PRIVILEGIO PER ECCELLENZA. Non tutti i cittadini sanno che in Italia, dove si parla di libertà, il cittadino comune non può aprire un notiziario, un giornale o fare un volantino con carattere di continuità in quanto questo PRIVILEGIO è consentito solo a chi è iscritto all'ordine dei giornalisti. Eh sì, per scrivere non serve essere bravi ed essere capaci din informarsi prima di scrivere scemenze ma basta essere iscritti all'ordine. Se poi si querela ... esiste la libertà di stampa e le smentite non vengono pubblicate come invece sarebbe previsto. La legge sulla stampa resiste dai 1948. Non potete dare lezioni a nessuno .. l'unico privilegio esistente è il vostro e prima o poi verrà cancellato.

RISPOSTA:

Buongiorno, come può leggere cliccando il nome dell'autore, il Sig. Dario Balotta non è un giornalista. http://www.ilsussidiario.net/Autori/B/5695/Dario-Balotta/B/#_5695 Cordiali saluti.