BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPY FINANZA/ Le scommesse dei fondi che preoccupano l'Italia

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Perché tutti questi timori (di cui ho parlato nell’ultimo articolo) per un rialzo dei tassi di interesse da parte delle banche centrali, tanto che il mero annuncio da parte della Bank of England di un uptick prima del previsto ha fatto deragliare i mercati per un giorno intero? Perché una volta che la Fed avrà deciso se e quando stoppare il Qe e il bilancio Usa declinerà anche modestamente come percentuale del Pil, saranno l’Europa e il Giappone a dover prendere il suo posto alla manichetta della fornitura monetaria globale e continuare a inondare il mercato in fiamme del debito, come ci mostra il grafico a fondo pagina. Insomma, tutto tranquillo: se la Fed blocca la stamperia il mese prossimo e montano comunque timori per un ravvicinato aumento dei tassi Usa, il mercato non andrà incontro a un crash ed eventualmente garantirà tempo alla Federal Reserve per inventarsi qualche scusa per tornare a fare ciò che fa meglio, ovvero stampare.

Resta però un enorme dubbio: dobbiamo davvero temere una nuova crisi innescata dai mercati azionari oppure la bolla di distruzione di massa è altrove? Certo, se la Bce dovesse dar vita a un Qe in piena regola, l’eventuale passaggio di consegne dalla Fed a Bank of Japan ed Eurotower potrebbe essere sufficientemente indolore e liscio da evitare un crash dei mercati azionari in stile 2008 da qui alla fine del 2016, ma l’obbligazionario cosa farà?

Questa è l’unica cosa che davvero conta, il resto è pura semantica e accademia. E vi spiego perché. Al netto della delusione offerta giovedì da Mario Draghi ai mercati rispetto un vero programma di stimolo tipo Fed, sono i numeri e una dichiarazione a spaventarmi. E parecchio. Partiamo dai primi. La messe di denaro posta in circolo dalla Fed e dalla Bank of Japan (per inciso, le azioni delle aziende giapponesi quotate sull’indice Nikkei hanno perso 1000 punti in cinque giorni, forse l’Abenomics non va benissimo o sta già prezzando qualcosa, magari in arrivo dalla Cina che porta gli investitori a comprare titoli stranieri) ha portato non solo al rally azionario ma anche a questi tre risultati sul mercato dei bond: quelli sovrani dell’eurozona sono ai minimi secolari, i Treasuries Usa hanno avuto rendimenti più bassi degli attuali sono due volte dal 1790 (avete letto bene) a oggi e le obbligazioni sovrane giapponesi hanno addirittura rendimento negativo. Insomma, una bolla enorme: sapete per l’esattezza quanto enorme? Bene, il mercato obbligazionario mondiale è un elefante da 100 triliardi di dollari, quasi il doppio di quello azionario.

Fin qui i numeri, ora la dichiarazione: «Il mercato sta prendendo troppo per garantito e sicuro l’arrivo di un programma di acquisti obbligazionari sovrani attraverso un Quantitative easing e io penso che invece ci siano molti, molti ostacoli affinché questo avvenga. Se la gente sta comprando debito italiano e spagnolo perché pensa che la Bce stia per ricomprarlo da loro, penso che stia facendo un errore». Sapete chi ha detto questa frase, di fatto un potenziale detonatore per un altro 2011 sul mercato obbligazionario europeo? Scott Thiel, un uomo che per conto del principale fondo mondiale, BlackRock, sovraintende ad assets per 100 miliardi di dollari. E lo ha detto alla Reuters tre ore dopo la fine della conferenza stampa di Draghi che aveva affossato le Borse, con l’indice milanese Ftse Mib che quasi sfondava il pavimento.

 



  PAG. SUCC. >