BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

SPY FINANZA/ Europa, epicentro di una nuova crisi

InfophotoInfophoto

No, la questione più importante al riguardo, il vero motivo di timore per una crisi obbligazionaria sovrana più severa sia di quella del 2008 che del 2011 è racchiuso in una singola parola: collaterale. Ora, cosa sia il collaterale penso lo sappiate tutti ma meglio non lasciare nessun dubbio, vista la delicatezza e l’importanza - a mio avviso - dell’argomento. Dunque, il collaterale è l’asset - il bene - sottostante che si posta a garanzia quando si entra in un’operazione, un accordo finanziario: è sostanzialmente una promessa in base alla quale, se le cose dovessero andare storte, ci impegniamo ad avere un bene a disposizione che la controparte può ottenere da noi per compensare le perdite in cui è incorsa nella transazione.

Ad esempio, se chiediamo un mutuo immobiliare in banca, l’istituto ci chiede qualcosa a garanzia di quei soldi in caso dovessimo non essere in grado di ripagarlo. Nel caso della proprietà, è proprio la casa il collaterale che garantisce il nostro accordo con la banca, visto che se non paghiamo le rate del mutuo può pignoraci la casa, metterla all’asta e così rifarsi (almeno in linea teorica) delle perdite in cui è incorsa per la nostra non solvibilità. Insomma, avete capito che di fatto il collaterale è una sorta di assicurazione per ogni transazione finanziaria al fine di mitigare i rischi per le controparti in caso le cose non vadano a buon fine.

Bene, come sapete l’intero sistema finanziario globale si basa su denaro preso in prestito e utilizzo della leva, quindi il collaterale è un concetto fondamentale per il suo funzionamento, poiché garantisce il vincolo di fiducia tra le controparti che altrimenti non si accorderebbero per timori di perdite: senza fiducia, quindi senza collaterale, non ci sarebbero prestiti e senza questi ultimi non si potrebbe accedere al sistema finanziario. Per mettere le cose in prospettiva, il collaterale rappresenta la “realtà” sottostante la componente di leva che è invece “l’immaginazione”, il preso a prestito che non c’è.

A livello privato, di consumatore, quando prendiamo a prestito denaro per finanziare un’operazione, il nostro conto corrente, la casa o altri assets reali sono i nostri collaterali di garanzia, mentre a livello corporate, le aziende postano differenti tipi di assets per i loro prestiti: ad esempio, un’azienda manifatturiera può “impegnare” i propri magazzini di scorte, mentre per le aziende del ramo immobiliare il collaterale tipo è rappresentato da una parte del proprio portafoglio real estate. Diverso invece è il ragionamento per le istituzioni finanziarie, la parte più alta della catena economica del ramo corporate, il cui collaterale tipo sono proprio le obbligazioni sovrane.

Il perché è presto detto: stando alle moderne teorie finanziarie, infatti, i bond sovrani sono le obbligazioni più esenti da rischio - cosiddetti risk-free - nel sistema finanziario, anche più di equity, bond municipali e bond corporate. Perché? Perché è comune sentire il fatto che sia più facile che vada a zampe all’aria un’azienda, con le sue obbligazioni, che uno Stato: detto fatto, per il sistema finanziario occidentale Treasuries, Bund e bond giapponesi sono l’asset senior sovrano da postare come collaterale per garantire accordi e transazioni per triliardi di dollari.

Ora, sapete a quanto ammonta il mercato globale del derivati? Circa 700 triliardi di dollari, più di dieci volte il Pil del mondo: e sapete cosa c’è principalmente a garanzia di quelle transazioni su derivati? Bond sovrani, anche di Spagna, Italia, Grecia, Portogallo e Irlanda. E qui dobbiamo prendere in prestito l’automobile di Doc Brown come in “Ritorno al futuro” e andare indietro nel tempo, esattamente al 2004. Quell’anno, infatti, le principali banche d’affari Usa come Goldman Sachs, JP Morgan, eccetera diedero vita a un’operazione di lobbying e pressione senza precedenti sulla Sec, l’autorità di vigilanza del mercato Usa, affinché fosse loro consentito di aumentare il loro livello di esposizione alla leva: in parole povere, quelle istituzioni volevano utilizzare lo stesso collaterale come backstop per trading molto più ampi, aumentando la discrepanza tra esposizione e grado di copertura reale in caso di perdite.