BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RIPRESA?/ Bambini e spirito, i due "motori" che mancano all'Italia

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

No, questa è fondamentalmente una profonda crisi di tipo spirituale. A fare grande l’Europa sono stati gli spiriti protestante e cattolico. Senza scomodare Max Weber, il capitalismo europeo è nato dallo spirito profondamente religioso del tempo. Quest’ultimo ha creato virtù civile, capitale e risparmio, in una parola ha creato imprenditori. Lo spirito cattolico, più comunitario, ha creato imprese familiari, banche rurali, distretti economici e cooperative. Oggi tanto il capitalismo protestante quanto quello cattolico sono morti o comunque molto in crisi.

 

Lei quindi che cosa propone?

L’Europa deve ritrovare la sua tradizione cattolica e protestante. Mentre Stati Uniti e Brasile, pur con tutti i loro limiti, hanno ancora un loro spirito religioso, e la Cina vive profondamente una dimensione comunitaria, l’Europa si è smarrita. Il suo individualismo senza radici sta comportando anche la sua crisi economica. Le imprese nascono per grandi progetti collettivi e ideali.

 

Concretamente che cosa comporta il fatto di avere smarrito questi ideali?

Comporta il fatto che i popoli diventano solo consumatori. Se vogliamo uscire dalla crisi, dobbiamo evitare di cadere nell’errore di mettere tutta l’enfasi sui consumi come fa il governo Renzi. Al contrario bisognerebbe scommettere su risparmio e investimenti, che giocano un ruolo ancora più determinante in vista della ripresa.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.