BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

CANONE RAI/ Cosa cambia: ecco come si pagherà con la bolletta

Ecco tutti i cambiamenti che avverranno in casa Rai: il Canone in bolletta dell'elettricità, un nuovo consiglio di amministrazione e un contratto decennale con lo Stato. 

Rai (Immagine d'archivio)Rai (Immagine d'archivio)

Si prevedono grossi cambiamenti in casa Rai, sia all’interno dell’azienda di Viale Mazzini sia per quanto riguarda i rapporti esterni, specialmente quelli con gli utenti e contribuenti del servizio erogato: internamente, si procederà con l’eliminazione del direttore generale e l’integrazione della figura di amministratore delegato, con il numero dei membri del consiglio di amministrazione che passerà da nove a cinque. Il Parlamento si occuperà ancora di eleggere i consiglieri all’interno dell’amministrazione, anche se verranno scelti tra un elenco di nomi proposto grazie alla collaborazione delle Conferenza Stato - Regioni, dell’Agcom, del Consiglio dei rettori, della Corte Costituzionale anche dei presidenti delle Camere. Inoltre, una grande rivoluzione dovrebbe essere introdotta dal gennaio 2015 per quanto riguarda il Canone Rai: verrà integrato nelle bollette dell’elettricità, per evitare l’evasione, e si aggirerà su una cifra pari a 65 euro, contro i 113,50 dell’anno precedente. In più, il contribuente, potrà scegliere se e come diluirlo all’interno delle bollette ricevute in un anno, ammortizzandone il costo a suo piacimento. Il Canone Rai andrà inoltre pagato per ogni abitazione di cui si è in possesso e l’ammontare sarà diviso in modo distinto a seconda del numero di queste nelle bollette dell’elettricità: queste nuove regole sono il frutto di un emendamento della legge di Stabilità in vaglio al governo per il quale, se il provvedimento non troverà effettività entro il gennaio dell’anno prossimo, si prevedono delle contromisure in modo da poter procedere ugualmente. Il governo Renzi, inoltre, ha previsto per Rai un contratto decennale, contro il triennale in vigore in precedenza: l’obiettivo è quello di sollevare di nuovo in quota l’operato e il nome degli uffici e studi di Viale Mazzini.

© Riproduzione Riservata.