BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NOTIZIE MPS/ In borsa chiude a -0,59%. Si accende lo scontro Abi-sindacati

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Infophoto  Infophoto

MPS NEWS Con un calo nella seconda parte di giornata, Piazza Affari riesce comunque a chiudere in rialzo (+0,42%), mentre Mps termina la giornata in rosso (-0,59%), unica tra le banche del listino principale. Intanto si accende lo scontro tra Abi e sindacati sul rinnovo del contratto di lavoro del comparto. L'Abi definisce "anacronostica" la posizione delle organizzazioni dei lavoratori. Maria Sileoni, segretario generale della Fabi, ha subito replicato, anche con una certa dose di ironia: "L'Abi ha ragione, loro sono moderni e attuali, prova ne sono i 177 miliardi di sofferenze bancarie, generate soprattutto a causa dei prestiti regalati agli amici degli amici, e i 68mila posti di lavoro tagliati dal 2000 al 2020. Onore al riformismo dei banchieri".

MPS NEWS Piazza Affari accelera e sale dell'1,3%, ma Mps resta ancora indietro, con un rialzo dello 0,3%. Nel frattempo Ubi Banca, Bper e Bpm guadagnano più del 3%. Non è dunque una giornata tanto brillante per Montepaschi. Intanto la trattativa tra Abi e sindacati del settore bancario è arrivata a un momento di tensione, con le organizzazioni dei lavoratori pronti a scioperare a gennaio. A rappresentare le banche, nella trattativa, è Alessandro Profumo, Presidente di Mps.

MPS NEWS Piazza Affari parte in rialzo (+0,4%), ma Mps anche oggi fatica a tenere il ritmo degli altri titoli bancari, facendo segnare un +1%  contro rialzi che raggiungono anche il 2%, come quello di Banco Popolare (+2,2%). Nel frattempo non arrivano buone notizie sul fronte dei crediti per la banca toscana. Sembra che Ntv abbia infatti chiesto una proroga di tre mesi per ristrutturare il debito di circa 680 milioni che l’azienda ha nei confronti di Intesa Sanpaolo, Banco Popolare, Bnl e Mps. Una ristrutturazione è in corso anche per il gruppo Boscolo, che riguarda anche l’assetto societario. Il debito con le banche, in questo caso, è di quasi 290 milioni, a carico di Unicredit, Mps, Bnl e Veneto Banca. Gli istituti di credito guardano con preoccupazione l’evolversi della situazione, temendo che le divisioni all’interno della famiglia Boscolo possano avere conseguenze negative sui conti del gruppo.

< br/>
© Riproduzione Riservata.