BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

IDEE/ Le occasioni per risparmiare (e far girare l'economia)

MAURO ARTIBANI ci spiega come poter imparare a consumare in maniera migliore, contribuendo così a stimolare domanda e offerta sul mercato in un periodo di crisi

InfophotoInfophoto

Quando con quel che guadagni dal lavoro ci paghi a malapena “quel che serve per vivere” e vuoi, vivaddio, avere un po’ di più, devi darti da fare e pure imparare a farlo. Una bella sfida: si può fare. Et voilà: “consigli per gli acquisti” per usare una domanda sapiente. Quel che costa troppo fare da soli si può fare insieme ad altri e risparmiare: viaggiare insieme costa meno; costa meno pure una casa per le vacanze condivisa; magari pure acquistare il 3 per 2 in tre conviene; acquisti il giusto, non sprechi, spendi meno. Puoi insomma “fare meglio insieme”.

Questo fare gli inglesi lo chiamano sharing, gli economisti lo definiscono economia della condivisione. A noi fa risparmiare. Quando vai in giro, acchiappa tutte le “carte fedeltà” che ti vengono offerte. Quando ri-giri usale, non rimirarti negli specchietti come fa l’allodola, acquista al meglio quel che costa meno. Fidelizzi i fidelizzatori e risparmi.

Se vuoi puoi. Senza andare in giro, al mercatino sottocasa, i prezzi variano. Alle 13 sono più bassi delle 10: prezzi a orologeria. Guarda l’orologio! Fai il pane per te, la pizza con quelli del pianerottolo. Fai il menù settimanale dopo aver acquistato le “offerte”, non prima. Vesti alla moda? Fatti furbo: se acquisti il giorno dopo la “scadenza della moda”, se ne accorgono in pochi, quel vestito ti costa la metà. Non vesti alla moda? I tuoi abiti li abiti fino all’usura, spendi meglio il tuo denaro.

Puoi persino fare baratto tra ciò che hai e non usi e ciò che vuoi e non hai. Non spendi: un bel guadagno. Due volte l’anno si smercia l’invenduto: compri a saldo, fai affari d’oro. Se metti in comune la tua forza contrattuale, ci aggiungi l’azione di network operata dai “social shopping”, acquisti confezioni per il ristoro, il tempo libero, gli eventi, la salute, i viaggi, lo sport e i servizi, a prezzi scontati fino all’80%: un bel guadagno.

Tanti sconti, sconti per tanti? Già, senza dimenticare però che nell’economia non esistono pasti gratis. Con quello sconto le imprese acquistano la tua domanda per vendere la loro offerta in eccesso. Se tanto ci dà tanto, al mercato si incontra la possibilità di sfruttare tutte le occasioni per tentare di riparare il danno che ha provocato lo squilibrio del mercato, tra le tonnellate di nuove merci, per numero e volume, da dover acquistare e, come denuncia l’Ufficio studi di Confcommercio, la riduzione del reddito disponibile delle famiglie italiane, che nel 2013 torna ai livelli di 25 anni fa, pari a 1.032 miliardi di euro, rispetto ai 1.033 del 1988.

Un professional consumer deve farlo quel che gli spetta e farlo al meglio, per obbligo di ruolo. Se però, alla fine della fiera resta ancora un resto d’invenduto, beh…. allora avranno ancora più “bisogno” le imprese di vendere che i consumatori d’acquistare. Già, avranno bisogno di rinnovare il loro modello di business, per andare oltre l’occasionalità dello “sconto”.