BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIETRO IL GOVERNO/ Renzi-Padoan, divisi da un 3%

Pubblicazione:mercoledì 10 dicembre 2014

Pier Carlo Padoan (Infophoto) Pier Carlo Padoan (Infophoto)

Quel che conta è in ogni caso la Legge di stabilità, con la quale l’Italia a metà ottobre si impegna, nei fatti, a non sforare quel parametro ritenuto, a parole, inutile e anacronistico. Almeno fino a ieri. Negli ultimi sprazzi di presidenza italiana dell’Ue, il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan ha infatti detto: “Pensare che sfondare il tetto del 3% possa portare più crescita è profondamente sbagliato”.

Che succede? Sbaglia Renzi a dare ragione alla Francia e a ritenere quel tetto assurdo o sbaglia il suo ministro che logica vorrebbe essere sulla stessa posizione del Premier su un tema così importante e a lungo dibattuto? Ci sentiamo di lasciare ai posteri l’ardua sentenza, potendo contare sui dati che nel 2015 saranno diffusi da Italia e Francia circa il loro Pil. Allora vedremo se sforare il tetto del 3% può portare o meno crescita. Sempre che gli italiani si ricordino ancora delle parole di Padoan.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.