BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

POSTE ITALIANE/ Tariffe più alte e sprechi, un "giallo" pieno di sospetti

Infophoto Infophoto

L’arrivo di Caio, ottimo manager del settore privato, ha rallentato questo processo, ma non è ancora chiaro quello che potrà succedere nel prossimo futuro. Quel che è certo, viste le finanze sempre più precarie dello Stato italiano, è che c’è bisogno di una privatizzazione certa e reale, in modo da massimizzare i ricavi. Una “privatizzazione all’italiana”, vale a dire una cessione di quota di minoranza, porterebbe a minori incassi anche per le casse pubbliche.

Senza liberalizzazione, vale a dire senza gare a evidenza pubblica, gli sprechi continueranno a esserci nel settore e gli utenti dovranno sopportare aumenti delle tariffe forse non giustificati. Non c’è più tempo per aspettare e questo il Governo Renzi lo deve comprendere in fretta. Liberalizzazioni e privatizzazioni non sono né di destra, né di sinistra, ma l’unica soluzione per ridurre gli sprechi pubblici.

© Riproduzione Riservata.