BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

NOTIZIE MPS/ In Borsa crolla a -8,14%. Rispunta la pista cinese

Pubblicazione:lunedì 15 dicembre 2014 - Ultimo aggiornamento:lunedì 15 dicembre 2014, 17.36

Infophoto Infophoto

MPS NEWS La prima seduta della settimana per Piazza Affari si è chiusa con un rosso del 2,81%. Tuttavia per Mps è andata peggio che alle altre banche del listino principale, dato che ha terminato la giornata con un -8,14%. Secondo alcuni operatori, c'è stato un rilevante ordine di vendita che ha fatto scattare delle stop loss portando ulteriormente in ribasso il titolo. Intanto nel pomeriggio il sito di Milano Finanza ha scritto che alcuni banche cinesi, particolarmente attive in Europa nelle ultime settimane, potrebbero mettere gli occhi su Montepaschi, visto anche il "prezzo di saldo".

MPS NEWS Mentre Piazza Affari prosegue la giornata in rialzo, Mps ha virato in negativo, dopo un avvio brillante, e cede quasi il 3%. Gli altri titoli bancari sono in positivo, dunque non c'è nulla di "sistemico" nel calo di Montepaschi. Stamattina, insieme ai rumors su Ubi Banca, è arrivata un'altra conferma del fatto che Bnl, controllata da Bnp Paribas, non è interessata alla banca senese. In un'intervista ad "Affari e Finanza", inserto di Repubblica, l'ad di Bnl, Fabio Gallia, ha infatti chiarito che la sua banca non ha bisogno di nuovi sportelli e non è quindi interessata a quelli di Mps.

MPS NEWS Avvio positivo oggi per Piazza Affari, che sale dello 0,3% nei primi minuti di contrattazione. Mps parte ancora meglio, con un +1,6%. Dietro questo rialzo non può non esserci la voce di una fusione con Ubi Banca, ventilata sia da Milano Finanza che dal CorrierEconomia in edicola oggi. Sarebbe sicuramente un’operazione importante, dato che ormai Ubi è diventata il terzo gruppo bancario italiano, superando proprio Montepaschi. La somma di queste due entità non darebbe certo luogo a un soggetto capace di avvicinarsi ai colossi Unicredit e Intesa Sanpaolo, ma di certo consoliderebbe la sua posizione di terzo gruppo, considerando che Ubi Banca non è praticamente presente in Toscana.



© Riproduzione Riservata.