BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

GEO-FINANZA/ Usa e Ue nella "morsa" di oro e petrolio

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Le cronache di questi giorni ci dicono che l’Olanda ha rimpatriato da New York 130 tonnellate dei suoi lingotti per l’equivalente di 5 miliardi di dollari. A inizio d’anno, la Bundesbank ha annunciato un piano pluriennale (2014-2020) per rimpatriare le 674 tonnellate del suo oro, per un valore di oltre 27 miliardi di dollari, dai depositi esteri, particolarmente New York e Parigi. Nel corso dell’estate, “certe pressioni politico-diplomatiche” su Berlino hanno per ora convinto il governo a non riscattare l’oro depositato a New York. Il 30 novembre, gli svizzeri hanno votato vari referendum per ridurre l’immigrazione e i benefici fiscali agli stranieri, ma soprattutto per obbligare la banca centrale della Confederazione a convertire in oro un quinto dei suoi asset valutari e rimpatriare i lingotti per ora depositati nel Regno Unito e Canada. In Francia, il Fronte Nazionale promette di seguire la stessa politica di rimpatrio dell’oro francese dall’estero.

È piuttosto evidente che il più grande depositario di oro, gli Usa, seguito da Canada, Regno Unito e Francia, non intendono cedere alle richieste dei paesi proprietari dell’oro giallo. Intanto, la Russia ha condotto una politica di progressivo spostamento delle proprie riserve valutarie dal “petrodollaro” al “petro-oro”, superando quest’anno le 1000 tonnellate di oro fisico. Da parte della Cina, anche in vista dell’internazionalizzazione della sua moneta, le riserve d’oro fisico sono cresciute negli ultimi anni fino a raggiungere 7-10000 tonnellate (ma nessuno ha dati verificabili). Questa nuova corsa all’oro ha una sola spiegazione plausibile: la paura. Appunto, la paura che il sistema finanziario incentrato sul dollaro, e fino a poco tempo fa sostenuto dal petrodollaro, stia entrando in una crisi irreversibile.

Allo stesso tempo, leggiamo cronache sul declino del prezzo dell’oro nero (petrolio) e anche del gas naturale. La tesi più accreditata vorrebbe che con la regia degli Usa si tenti di mettere in difficoltà la sostenibilità economica della Russia e dell’Iran. Sicuramente la combinazione di sanzioni economiche e la brusca discesa del prezzo dell’energia hanno un impatto sulla vita economica dei due paesi che all’evidenza si piegano ma non si spezzano. Quindi i fantasmi del cambio di regime indotto dalle condizioni esterne sono per ora sfumati.

Tuttavia, se inizialmente una strategia americana di manipolazione del prezzo del petrolio avrebbe avuto un senso, oggi sembra che il filo conduttore sia sfuggito dalle dita degli strateghi. Infatti, la discesa del barile sotto i 75 dollari sta mettendo in crisi l’economicità degli investimenti americani nell’estrazione dagli scisti, che era proprio l’arma di Obama contro gli odiati produttori stranieri. Ancor peggio è la situazione se si compara la redditività degli investimenti delle major americane in Iraq - che con bassi investimenti promette comunque una redditività di lungo termine - con quelli necessari a continuare i livelli di estrazione attuali in Arabia Saudita. Sul lungo termine, quest’ultima troverà sempre più difficile finanziare l’estrazione con investimenti esterni. Quindi non potrà che autofinanziare il settore petrolifero. Ma questo significa sottrarre risorse finora impegnate nei petrodollari a sostegno dell’economia americana.


  PAG. SUCC. >