BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

ALITALIA/ Così Etihad può portarla a guadagnare nel 2015

InfophotoInfophoto

C’è da sperare ovviamente che qualcuno dei partner italiani, che finora hanno sostenuto i costi, possa rimanere. L’aspetto fondamentale però è che la somma di Etihad e Air France dovrebbe essere pari a circa il 60% delle quote di Alitalia. L’attuale partnership tra la compagnia italiana e Air France è il punto di partenza anche per le discussioni con Etihad, e l’evoluzione dei rapporti tra Etihad e Alitalia deve essere coordinata con Air France. Il coordinamento può avvenire anche attraverso un’evoluzione delle quote azionarie, in modo che Etihad e Air France abbiano la maggioranza: ciò renderebbe tutto più semplice anche dal punto di vista delle scelte industriali.

 

Questa scelta sarebbe rispettosa delle norme europee?

Ai fini delle norme europee, l’importante è che Etihad rimanga al di sotto del 49%, che la maggioranza dei membri del consiglio d’amministrazione sia europea e che la compagnia abbia la sede legale in Europa. Nulla vieta che anche Alitalia compia la stessa scelta di Fiat, trasferendo la base operativa ad Amsterdam e la sede legale a Londra.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.