BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPY FINANZA/ Le operazioni dei "poteri forti" all'ombra di Renzi

Pubblicazione:domenica 16 febbraio 2014 - Ultimo aggiornamento:domenica 16 febbraio 2014, 15.51

Infophoto Infophoto

Rieccoci, cari lettori, dopo qualche giorno di assenza per malanni. Quasi risolti, quindi si torna tra poco alla normalità. Nessun problema con ilsussidiario.net che da anni ormai è casa mia e, finché vorranno, continuerà a esserla. Ogni tot anni, anch’io mi ammalo e ho bisogno di riposo. Oggi, però, nonostante tutto non potevo esimermi dallo scrivere un breve articolo dedicato all’operazione Renzi. Avete visto che, come vi avevo detto, il curatore fallimentare è arrivato prima del 2015? Certi ambienti hanno fretta. Ma sono generosi. Queste ore ci dimostrano una cosa: per migliorare la valutazione di un Paese non serve far migliorare la sua economia, competitività, tasso di occupazione o di attrattività verso investimenti esteri. Basta conoscere le persone giuste, farsi gli amici giusti e tac, i rating migliorano così, per miracolo.

Moody’s, infatti, l’altro giorno ha sì mantenuto la nostra valutazione di credito a Baa2 ma ha rivisto al rialzo l’outlook, passato da negativo a stabile. Il tutto senza colpo ferire, a parte l’anomalia tutta italiana del terzo governo di seguito senza mandato popolare. Ma tant’è, certi mondi hanno superato i riti novecenteschi come il suffragio universale: qui si è fatto cadere un governo in quattro e quattr’otto - non che ne sentirò la mancanza, di Saccomanni in testa - non per ragioni di sopravvenuta sfiducia nelle aule parlamentari, ma per il libro di Alan Friedman, una sorta di assist davanti alla porta per Silvio Berlusconi, quando di fatto si contraddice con prove video il presidente Napolitano sul timing del suo primo contatto con Mario Monti per sondare la disponibilità a sostituire il Cavaliere: non in pieno volo dello spread, ma a maggio, quando Deutsche Bank vendette 7,5 miliardi di titoli di Stato italiani, avendo anche la tenera accortezza di dire ai mercati en plein air che stava contemporaneamente coprendosi con credit default swaps. Come dire, stanno crollando e noi scarichiamo. Insomma, magari non un golpe come proclamato da Berlusconi, ma oggi ci sono le evidenze dei fatti che sia stata un’operazione eterodotta molto ben congegnata.

Ma attenzione a non tramutare, per questo, il Cavaliere in vittima, visto che sia con il governo Monti che con quello guidato da Enrico Letta le sue aziende hanno macinato guadagni del 130% in Borsa - non male per chi ha dovuto pagare un capitale di risarcimento a Carlo De Benedetti - e ora si appresta a fare lo stesso con quello a guida Matteo Renzi, il quale farà di tutto per non disturbare la galassia Fininvest visto che il Cavaliere gli garantisce una fondamentale stampella al Senato. Insomma, qui, di vittime, ce ne sono poche e il più classico dei do ut des per ragioni di Stato, se così vogliamo chiamarle. A pagare il conto, stante la disastrosa situazione dell’economia reale, sono stati solo i cittadini italiani. Ma ora perché questa accelerazione che disarciona Enrico Letta in un giorno spedendo l’enfant prodige a Palazzo Chigi a tempo di record, fino a ieri sembrava addirittura prima della riapertura dei mercati?

Basta guardare alcuni nomi del toto-ministro, come quello di Lucrezia Reichlin, economista di assoluta capacità ma che era in procinto di entrare nel board della Banca d’Inghilterra, istituto guidato da Mark Carney ma che sarebbe stata “caldamente” raccomandata a Matteo Renzi da Mario Draghi in persona. E, come sapete, sia Draghi che Carney sono ex alti dirigenti Goldman Sachs. C’è da governare prima gli interessi e poi il caos che sta arrivando, cari lettori e chi meglio di Matteo Renzi: ambizioso, capace di imporsi e assolutamente pronto ad abbassare il capo di fronte ai desiderata della finanza internazionale e della Germania.


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
16/02/2014 - Non era sfuggito... (Pietro Sita)

Non mi era affatto sfuggito. Sono suo appassionato lettore da diversi anni. Dopo averlo letto su zeroedge ho letto il suo articolo nel quale giustamente ripredeva la notizia. Quello che trovo sconvolgente che nessun giornale e telegiornale sussidiato da noi contribenti abbia dato il giusto risalto a questa notizia, gravissima,che conferma l'avvenuto commissariamento dell'Italia da parte della BCE già dal novembre del 2012. Le auguro una pronta guarigione. Avevo notato,nella settimana trascorsa, l'assenza dei suoi articoli, pensavo si fosse concesso un po' di ferie (penso lo avrebbe preferito anche Lei). Alle malelingue che la accusano di essere un pessimista ricordo che :IL PESSIMISTA E' UN OTTIMISTA BENE INFORMATO. Attendo i suoi prossimi articoli. Cordialmente Sita Pietro

 
16/02/2014 - COMPLOTTO CONTRO BERLUSCONI? 2 (Pietro Sita)

Il libro di Friedman non è assolutamente uno scoop, semmai fa parte della seconda parte del complotto: mettere in difficltà Napolitano e agevolare la continuazione della pratica di fare e disfare i governi in Italia senza passare dal voto popolare. Con la scusa dell'emergenza l'Europa e gli europeisti di casa nostra ci impongono dei governi stabiliti da una elite, peraltro completamente squalificata. L'ultimo governo e stato deciso a porte chiuse con una votazione interna al PD. MA CI RENDIAMO CONTO DELL'ENORMITA' DI QUESTA PRASSI?. L'unica cosa di cui sarò eternamente grato al PD è l'avere bruciato la candidatura di PRODI a presidente della repubblica. Onore ai 101 deputati e senatori che hanno impedito questo scempio. Non dimentichiamoci mai che Prodi è uno dei maggiori artefici della nostra entrata nell'Euro. Ha spinto assieme alle elite franco-tedesche per fare entrare nell'euro i paesi dell'Est. Adesso ci vengono a dire che se in Polonia un lavoratore guadagna 7 euro all'ora, dobbiamo adeguarci per essere competitivi. Bell'EUROPA hanno forgiato!!! L'europa delle multinazionali delle burocrazie costose ed inconcludenti!!. Ma adesso il PD ci dice che così non va bene dobbiamo cambiarla....ma ci facciano ridere. Questa è precisamente l'Europa che le banche, la finanza la grande industria voleva. I politici come al solito non avevano capito nulla, continuano a non capire nulla e soprattutto non hanno la più pallida idea di come uscire dal casino che hanno combinato!!

RISPOSTA:

Caro Sita, penso le sia sfuggito ma ho trattato dell'enormità e della gravità di quanto denunciato da Lorenzo Bini-Smaghi il 13 settembre del 2013 (http://www.ilsussidiario.net/News/Denaro-Lettera/2013/9/13/SPY-FINANZA-Svelato-il-piano-per-portare-l-Italia-fuori-dall-euro-/426592/). Cordialmente (Mauro Bottarelli)

 
16/02/2014 - COMPLOTTO CONTRO BERLUSCONI? (Pietro Sita)

Trovo molto strano che Friedman non si stanchi di ripetere,fino alla noia, che lui non ritiene si sia trattato di un complotto contro Berlusconi (ma lo è stato soprattutto contro la democrazia!). La conferma che il complotto, da parte dei gendarmi della BCE, c'è stato eccome e la conferma viene da un altro libro che non viene citato da nessuno ed è stato scritto da persona molto più attendibile di Napolitano, Berlusconi, Monti, De Benedetti, Prodi (in assoluto il meno attendibile di tutti). Il libro è "Morire di austerità" scritto da Lorenzo Bini Smaghi(membro del comitato esecutivo della Banca centrale europea dal giugno 2005 al 10 novembre 2011, attenzione alle date). Nel libro Bini Smaghi dice chiaramente che Berlusconi nell'ottobre/novembre 2011 aveva iniziato a parlare di un piano per portare l'Italia fuori dall'euro affrettando così la decisione della BCE di rimuoverlo dall'incarico di premier. "Specifically, he discussed (threatened?) Italian withdrawal from the euro in private meetings with other EMU governments, presumably with Chancellor Angela Merkel and France's Nicolas Sarkozy, since he does not negotiate with underlings. ("L'ipotesi d'uscita dall euro era stata ventilata in colloqui privati con i governi degli altri paesi dell'euro)". http://www.zerohedge.com/news/2013-09-12/draghis-termination-berlusconi-explained-sylvio-threatened-leave-euro. Ho trovato questo articolo nel Dicembre 2013 sul sito ZeroEdge. Questo è il vero scoop .