BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ANALISI/ Ecco perchè Facebook ha pagato (19 miliardi) WhatsApp

Pubblicazione:venerdì 21 febbraio 2014 - Ultimo aggiornamento:venerdì 21 febbraio 2014, 9.23

(Infophoto) (Infophoto)

Ogni volta che un utente pubblica qualcosa su WhatsApp, WhatsApp acquisisce informazioni su ciò che interessa a quell’utente. Se lei ha un gruppo di WhatsApp con quattro amici e parlate di qualcosa, chessò di nuove tecnologie, i contenuti di questa conversazione vengono analizzati da strumenti automatici che associano quelle informazioni al suo profilo. Sono in grado in pratica di ricostruire il profilo di una persona che parla di nuove tecnologie e magari si interessa di nautica. Che è esattamente lo stesso modello di business di Fb.

 

Cioè?

Fb e WhatsApp offrono ai loro utenti una piattaforma su cui interagire per conoscerli: ci sarà sempre qualcuno che avrà da vendere qualcosa a questi signori. Così Fb e WhatsApp vendono quei dati che danno accesso alla conoscenza che si genera dalle transazioni che avvengono nei loro ambienti. WhatsApp poi ha una base di utenti più ampia di quella di Fb, perché gli utenti dei cellulari sono più di quelli collegati a internet. E c’è anche un’altra cosa

 

Cosa?

Fb è fatto per gestire i propri contatti da 2-300 utenti, è vero che si possono fare anche gruppi privati, quella è una funzione secondaria. Invece viene più naturale utilizzare WhatsApp per fare un piccolo gruppo, quindi degli ambienti più intimi dove ci si scambia informazioni molto soggettive: ad esempio su come coordinare una vacanza con un gruppo di amici; o magari si fa un gruppo con i propri familiari. In questo modo si colgono due aspetti complementari dell’identità dell’utente. Che messi assieme rendono ancora più potente Fb.

 

Cambierà qualcosa dopo questo accordo ?

Certamente cambierà il fatturato di Fb! Fino a che gli utenti continueranno a usare questi servizi, senza pensare al valore di quello che rilasciano a queste piattaforme rispetto all’utilità che ricevono in cambio, le funzionalità cambieranno poco. Ci saranno pochi soggetti, come Google e Fb, che continueranno a fare il business sulla capacità di raccogliere e analizzare questa grande quantità di dati. Se gli utenti decideranno un giorno che tutto questo è sproporzionato rispetto alla distribuzione del valore, allora potrebbe cambiare qualcosa. Mai sentito parlare di Cooperative Commons ?

 

No, di cosa si tratta?


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >