BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

ALITALIA/ Lupi: la reazione di Lufthansa? I tedeschi speravano nel fallimento

Quella di Lufthansa, che ieri ha definito il progetto di intesa tra Alitalia ed Etihad un aiuto di Stato mascherato, “è stata una reazione spropositata”. Lo ha detto il ministro Lupi

Foto: InfoPhotoFoto: InfoPhoto

Quella di Lufthansa, che ieri ha definito il progetto di intesa tra Alitalia ed Etihad un aiuto di Stato mascherato, “è stata una reazione spropositata”. Lo ha detto il ministro delle Infrastrutture, Maurizio Lupi, intervistato da La Stampa. “La verità è che i tedeschi speravano nel fallimento di Alitalia – ha aggiunto - di dividersi le spoglie del nostro mercato, trasformando i nostri aeroporti in piccoli scali per alimentare il traffico su Francoforte e Monaco”. Nessun aiuto di Stato, quindi: “Ma non scherziamo. Alitalia ed Etihad sono due imprese private, il governo si limita a svolgere un ruolo di supporto coerente ad una strategia infrastrutturale. Per caso francesi e tedeschi hanno mai fatto qualcosa di diverso? Si dimentichino di invocare l’Europa per limitare l’apertura alla concorrenza. A Bruxelles troveranno una fiera opposizione”, precisa Lupi, il quale si è detto favorevole all’ingresso del fondo sovrano di Abu Dhabi nel capitale di Aeroporti di Roma: “Se questa è la loro intenzione, andrebbe nel senso dell’integrazione dei sistemi citata nel piano nazionale dei trasporti. Dimostrerebbe che la partecipazione alla compagnia non è solo un salvataggio, ma il pilastro di un grande progetto di attrazione degli investimenti".

© Riproduzione Riservata.