BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

DALLA GERMANIA/ "La crisi del 2008 sta per tornare"

La crisi finaziaria è in agguato, si aggira sotto la superficie di mercati calmi e rassicuranti e di spread ora addomesticati. Per LORENZ WAGNER, giornalista tedesco, tutto è ancora aperto

Angela Merkel (Infophoto)Angela Merkel (Infophoto)

“La crisi del 2008 si ripeterà ancora perché non sono state prese misure efficaci per risolvere i problemi alla radice. Un ripetersi di quanto avvenuto cinque anni fa porterà migliaia di persone in piazza in segno di protesta contro l’intreccio tra banche e politica”. A spiegarlo in un’intervista a ilsussidiario.net è Lorenz Wagner, giornalista della Suddeutsche Zeitung Magazin che ha firmato un reportage insieme ad Alexander Hageleuken pubblicato con il titolo “Non cantate vittoria”. Il pericolo per l’intera economia globale è individuato da Wagner “nei sistemi economico-politici di America e Regno Unito, dove le banche sono la principale industria del Paese e dunque i governi si rifiutano di introdurre regole rigorose per il timore di strangolare la crescita del settore finanziario”.

E’ corretto dire che la crisi non è ancora passata, anzi può tornare ancora peggiore perché nulla è cambiato rispetto al 2008?
Sì. Alcuni cambiamenti ci sono stati, come l’introduzione di regole differenti e diversi tentativi per evitare un ripetersi della crisi. Non si è trovata però una soluzione per il problema più importante, cioè per la questione del “too big to fail”. Rispetto a cinque anni fa, oggi abbiamo delle banche ancora più grandi e ci sono numerosi altri problemi che non sono ancora stati risolti. I cambiamenti sono avvenuti soltanto in superficie, non c’è stato un reale cambiamento di mentalità e i problemi del sistema bancario sono ancora tutti immutati.

La responsabilità è solo delle banche o anche della politica?
La responsabilità è innanzitutto della politica, perché tutto ciò che hanno fatto i banchieri è stato legale. La politica ha dato alle banche la scommettere con prodotti finanziari che hanno creato dei rischi per i risparmiatori. I banchieri hanno quindi lucrato comportandosi in un modo che non approvo, ma muovendosi pur sempre all’interno di margini che qualcuno aveva consentito loro. Nel Regno Unito e negli Stati Uniti le banche sono la principale industria del Paese, e i rispettivi governi temono di stabilire delle regole troppo rigide e di ridurne i margini di guadagno perché in questo modo bloccherebbero l’intera economia nazionale. L’Inghilterra è infatti sostanzialmente priva di un’industria dell’auto, della moda e della chimica. Nel 2008 l’allora premier inglese Gordon Brown ha affermato che avrebbe risolto i problemi e ripulito le banche, ma di fatto ciò non è mai avvenuto.

E’ davvero possibile lasciar fallire le banche senza mettere a repentaglio l’intera economia?