BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

TASSE/ Forte: da Renzi una "mancia" pre-elettorale

Matteo Renzi (Infophoto)Matteo Renzi (Infophoto)

Trovo semplicemente ridicoli tagli da 900 milioni con una spesa pubblica che esonda di continuo e che ha superato i 700 miliardi, cioè il 50% del Pil. Ciò rivela che Renzi non aveva nessuna volontà di tagliare realmente la spesa, e che questo è un governo basato ancora una volta sui deficit e sulle tassazioni. Come se ciò non bastasse, invece di risolvere il problema della flessibilità dei contratti di lavoro per combattere la disoccupazione, Renzi si limita a dare delle mance a chi un lavoro ce lo ha già.

 

Che cosa avrebbe dovuto fare il presidente del Consiglio?

Avrei ritenuto molto più utile se Renzi avesse agevolato i contratti flessibili, una misura per la quale sarebbero stati ampiamente sufficienti 8 miliardi. Mancano quindi una politica dell’offerta e una politica fiscale per la crescita. Ci sono delle misure vecchie, pallide, che ricordano le mance elettorali della prima Repubblica. In sostanza, si complica di continuo il sistema tributario, con grandi proclami cui seguono piccole misure, e la conseguenza è che il governo Letta era di gran lunga migliore di quello Renzi.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
19/04/2014 - A proposito di mance... (Lindo Caprino)

E perché non ai pensionati ed alle altre categorie di pari reddito e non dipendenti? Questi sono "figli della serva"? Non è forse un tantino anticostituzionale questa manovrina? Non riesco a capire come mai nessuno metta in rilievo questo aspetto.