BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

FINANZA/ Quei tagli che ci impoveriscono più del debito pubblico

Tagliare lo Stato sociale significa ridurre gli asili (Infophoto) Tagliare lo Stato sociale significa ridurre gli asili (Infophoto)

La ricchezza delle persone e dei popoli - siamo alla seconda considerazione - è un vettore composto di beni privati (redditi e ricchezze individuali, automobile, casa, salute, istruzione, ecc.) e di beni pubblici (sicurezza, sistema scolastico, qualità, costi e quantità dei trasporti, la vivibilità delle città, diritti). Lo vediamo troppo spesso, soprattutto ultimamente in Sud America, Asia e ormai in Europa del sud, che quando in un Paese si riducono i servizi e i beni pubblici, la gente si impoverisce anche se si ritrovano redditi individuali maggiori. Se oggi in Italia dovessimo ricevere 100 euro in più al mese, ma aumentano i costi dei trasporti pubblici, peggiorano gli asili e le scuole pubbliche e dobbiamo mandare i figli nelle scuole private, idem per la sanità, tagliamo nella sicurezza urbana e dobbiamo aumentare la spesa per allarmi e cancelli blindati, in realtà la nostra ricchezza individuale diminuisce. Sono antiche verità, ma che la nostra cultura sta sistematicamente dimenticando e negando.

C’è tutto questo, e molto di più, dietro ai tagli allo stato sociale, un’eredità dei secoli passati: delle confraternite e ospizi medioevali, delle scuole e degli ospedali dei carismi religiosi moderni, e solo recentemente degli Stati. Impoveriremmo molto di più i nostri figli e i nipoti riducendo stato sociale e diritti di quanto non li stiamo impoverendo con l’aumento del debito pubblico. Non dimentichiamolo in questo tempo di passaggio.

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
21/04/2014 - Stato sociale (delfini paolo)

Grazie al Professor Bruni per magnifico articolo in difesa dello Stato sociale.