BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FIAT/ Alfa Romeo, la strategia dello "scorporo" che piace a Marchionne

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Infophoto  Infophoto

Secondo il periodico specializzato Automotive News Europe, Alfa Romeo diventerà una società autonoma, come del resto lo sono Ferrari e Maserati. Il 6 maggio, a Detroit, Sergio Marchionne presenterà il piano industriale 2014-2018 del gruppo Fiat-Chrysler, e questa possibile scelta che riguarda Alfa Romeo dovrebbe far parte del piano di rilancio del marchio. “Marchionne deve rendere visibili i conti di Alfa Romeo per aumentare la credibilità del piano di rilancio del marchio” dice una delle fonti di Automotive News.

Durante la gestione Marchionne, Fiat ha annunciato diversi piani di rilancio di Alfa Romeo, nessuno dei quali ha però prodotto effetti significativi: le vendite del Biscione, infatti, sono attualmente scese a poco più di metà di quelle di dieci anni fa. Quanto aveva dichiarato Marchionne nella sua intervista a Repubblica del 10 gennaio scorso, quando si riferiva ai “capannoni fantasma mimetizzati in giro per l’Italia” e a “squadre di uomini che stanno preparando i nuovi modelli Alfa Romeo”, trova quindi ulteriori conferme, oltre a quelle - molto più attendibili - che abbiamo più volte raccolto da fonti sindacali. Ma manca davvero poco al 6 maggio, quando le reali intenzioni del manager canadese saranno note a tutto il mondo.

Questa pare proprio la volta buona per il rilancio di Alfa Romeo, anche perché sono note le intenzioni di Marchionne di puntare sulla fascia premium del mercato dell’auto, in particolare negli Usa, dove Fca ha importanti margini di crescita superiori a quelli che ha nel mass market: basti pensare alla Maserati, che sul mercato americano ha avuto una buona performance. Questa è la strategia di Fiat per il prossimo piano industriale, peraltro apertamente dichiarata da Marchionne nella medesima intervista. La Ghibli promette di dare una spinta decisiva verso il traguardo delle 50.000 auto all’anno: nel 2013 gli ordini sono stati circa 30.000, di cui circa il 50% sottoscritti da clienti americani. Il mercato americano promette molto bene e la scalata verso quota 50.000 sembra sempre meno impossibile.

Per quanto riguarda Alfa, è in corso attualmente lo sviluppo di una nuova piattaforma a trazione posteriore, sulla quale dovrebbero essere basate almeno due berline - una media e un’ammiraglia - e un Suv; il primo nuovo modello dovrebbe arrivare sul mercato nel 2016. Il rilancio di Alfa Romeo potrebbe avere effetti significativi sullo stabilimento di Cassino, che pare il più adeguato in virtù della sua capacità produttiva e in relazione al personale al momento piuttosto sottoimpiegato.


  PAG. SUCC. >