BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPY FINANZA/ Sui mercati scoppia il "caso Italia"

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

C’è un caso Italia sui mercati? Sembrerebbe, in parte, di sì. Un qualcosa che pesa e che va al di là del mero timore per un’affermazione a valanga delle forze euroscettiche - ipotesi non peregrina anche in altri paesi dell’Ue -, ovvero il fatto che sia la stabilità stessa del governo Renzi a essere messa in dubbio da chi investe. Ieri, infatti, la Spagna ha collocato 3,516 miliardi di euro in titoli di Stato a 3 e a 9 mesi. Nel dettaglio, sono stati piazzati 925 milioni di Bonos a tre mesi con un rendimento sceso allo 0,295% dallo 0,324% dell’asta precedente e un bid to cover pari a 3,5 contro 4,1. Inoltre, sono stati collocati 2,591 miliardi di Bonos a 9 mesi con un tasso dello 0,552%, in rialzo rispetto allo 0,465 % dell’asta precedente e un bid to cover pari a 2,3 contro 2,5. In scia a questo risultato, lo spread tra Bonos spagnoli e Bund tedeschi si è attestato a 169 punti con un rendimento pari al 3,04%, mentre il rapporto tra Btp e Bund è salito a 188 punti, con un rendimento al 3,23%.

Insomma, al netto del comune destino di paesi che scontano ancora gravi deficit sui fondamentali economici, lo spread tra l’Italia e la Spagna si è allargato negli ultimi giorni, tanto che alcuni analisti consigliano di rimanere long sui Bonos contro i Btp come strategia di hedging per tutelarsi contro scenari di buone affermazioni delle forze anti-europeiste in occasione del voto del 25 maggio. Insomma, l’incertezza sull’avanzamento delle forze anti-euro, chiamiamole così per comodità, nelle imminenti elezioni europee sta alimentando la volatilità sul mercato, soprattutto in Italia, visto che a oggi in Spagna i partiti conservatore e socialista restano in testa e l’esito probabilmente non avrà un impatto duraturo sui mercati.

Il nostro Paese, invece, sconta un rischio in più, pagato non solo attraverso lo spread ma anche nelle performance di Piazza Affari contro l’Ibex 35, ovvero il timore che possano concretizzarsi deviazioni rispetto allo scenario delineato dai sondaggi, le quali potrebbero a loro volta innescare instabilità politiche a livello nazionale. Per parlarci chiaro, i mercati temono che il bavaglio imposto per legge ai sondaggi nel periodo precedente al voto stia solo nascondendo temporaneamente la verità che potrebbe deflagrare domenica notte: M5S primo partito. Cosa succederebbe, se così andasse?

Beppe Grillo, in caso il suo movimento ottenesse un voto più del Pd, ha annunciato da tempo la "marcia su Roma", un qualcosa di ovviamente esacerbato dall’eloquio classico del comico, ma che si riverberebbe immediatamente sulla tenuta del governo, con una parte sempre più ampia del Pd che mal digerisce l’impostazione poco assembleare di Matteo Renzi e il suo decisionismo. Ecco perché lo spread spagnolo resta più basso del nostro, al netto dell’irrealismo macro anche di quel dato. Ma nel silenzio elettorale di questi giorni, una notizia - direttamente legata al nostro Paese e al suo futuro - rischia di passare sotto silenzio.



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
21/05/2014 - Errare humanum, perseverare ... (Giuseppe Crippa)

Un paese che, mentre lo stanno svendendo, si arrovella sugli 80 euro in busta paga – dopo essersi arrovellato per un anno e più sull’IMU prima casa - è già morto da tempo. RIP

 
21/05/2014 - Traditori (franco Remondina)

Signor Bottarelli, ha mica qualche idea su cosa in realtà stia accadendo? L'europa dei massoni ha i mesi contati. Si, si, i conti cifrati il cui limite è il cielo. I 300 di collateral con a capo la regina elisabeth II... quelle cose li. La contabilità delle banche che crea fondi neri per 100 volte il pil mondiale . Ma una resa dei conti deve avvenire, e avverrà. Gli Usa hanno rotto le palle a tutto il mondo e adesso ci siamo. L'Italia è in mano a delinquenti. Renzi? berlusconi? e tutti i capibastone della politica dal 1980 a oggi meriterebbero una nuova Norimberga con relativo plotone di esecuzione. Prodi, Andreatta, Ciampi e tutti gli appartenenti alla P2 Giustiziati. Noti la G maiuscola. La Francia almeno ha quella capacità di mantenere la "francesità" che noi non abbiamo con l'italianità. Uno stato che come l'italia sostiene le ragioni dell'immigrazione e celebra per quattro spicci che l'europa ci da, l'immigrazione a scapito degli italiani dice tutto .Voterò M5S, non sò lei ma me ne frego.