BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

ALITALIA/ Etihad o Air Berlin, cosa ci guadagnano gli italiani?

Infophoto Infophoto

Il coltello dalla parte del manico ce l’ha Etihad, perché è l’unica compagnia ad avere i soldi, la volontà e le capacità manageriali per salvare Alitalia. Se si ritiene che questa sia un’operazione che può arrecare un qualche beneficio all’Italia, allora si sostengano questi costi. Se al contrario si ritiene che non sia necessaria, si lasci fallire Alitalia in quanto dopo avere detto no ad Air France non ci sono alternative.

 

Quali saranno le ricadute per l’occupazione?

Ci sono altre imprese che rischiano di fallire e che sono molto più importanti per il Paese rispetto ad Alitalia. Quest’ultima ormai trasporta la minoranza dei passeggeri che viaggiano in Italia, e quindi occorre prenderne atto. Anche se Alitalia fallisse, non esiste il pericolo che non ci siano più voli per Milano o per Roma. Le compagnie aeree volano in quanto hanno domanda e riescono a guadagnare. La capitale italiana è uno dei maggiori centri di attrazione turistica del mondo, e non si capisce quindi per quale motivo non ci dovrebbero essere compagnie aeree che continuino a effettuare i suoi collegamenti.

 

Ritiene possibile che Etihad decida di entrare in Alitalia attraverso Air Berlin?

E’ sicuramente possibile, e del resto lo stesso controllo di Air France su Klm è stato organizzato in modo tale che la compagnia rimanesse olandese. Poiché Etihad detiene meno del 51% di Air Berlin, se la compagnia tedesca acquisisse Alitalia quest’ultima resterebbe europea. Può essere benissimo una soluzione astuta per risolvere i problemi di controllo, ma dal punto di vista del destino di Alitalia non cambia nulla.

 

Per quale motivo?

Il problema vero è che se l’acquisizione avverrà attraverso Air Berlin, i “capitani coraggiosi” potranno scendere al di sotto del 51% e quindi liberarsi di un investimento andato male. In caso contrario dovranno mantenere la quota di maggioranza. Ma in ogni caso a essere in gioco sono gli interessi di alcuni imprenditori, e non del sistema Paese in quanto tale.

 

(Pietro Vernizzi)

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
04/05/2014 - SISTEMA PAESE (Guido Gazzoli)

C'è qualcosa che non mi quadra : nel 2008 si regala una Compagnia senza un cent di debito e con sgravi fiscali ad un gruppo di industriali con la forte complicità del mondo politico . Poi le grandi "capacità" di questa che alla fine si rivela una Armata brancaleone ( ampiamente prevista la cosa ) vengono fuori e alè..dopo soli 5 anni siamo di nuovo daccapo...ma nessuno paga..pardon ...pagano solo i lavoratori....con altri 3000 licenziamenti in ballo. Logico no ??? Guido