BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ALITALIA/ Quanto ci costerà il nuovo "pasticcio" con Etihad?

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Ora la storia si ripete. Si profila una nuova bad company, dove verranno infilati i rischi finanziari legati ai contenziosi economici del passato, la zavorra del dubito bancario e 3.000 addetti in esubero (costo di 200 milioni l’anno di Cig). Oltre a queste condizioni dettate da un vettore straniero, Etihad pretende di rivedere l’assetto della rete ferroviaria di Alta Velocità su Fiumicino, la liberalizzazione degli slots di Linate, solo a favore degli hub da lei serviti, il nuovo sistema di regole per i vettori low cost in Italia e il depotenziamento di Malpensa, che vanificherebbe ulteriormente i grandi investimenti pubblici effettuati per lo scalo della brughiera.

Con questa soluzione le scelte strategiche del trasporto aereo verrebbero fatte fuori dal nostro Paese, ma i costi rimarrebbero saldamente in capo allo Stato italiano. La paura di affrontare il nodo occupazionale sta inducendo il Governo a un’altra soluzione pasticciata, ma soprattutto costosa e iniqua. La corporazione di piloti, assistenti di volo e menage fallimentari ha imposto prima a Letta, e ora a Renzi, di accettare le condizioni di Etihad.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
07/05/2014 - Questo paese non cambia mai (Antonio Ferri)

Come solito per proteggere l`interesse di alcune categorie privilegiate (dipendenti arroganti e superpagati, capitani coraggiosi e banche), si buttano a mare gli interessi della collettivitä ricostruendo e concedendo ad Etihad un mercato protetto nel quale quella che sarä la nuova compagnia e relativo padrone potranno fare prezzi e rotte che piü gli aggradano, cose giä viste con CAI. Az deve essere lasciata fallire e il mercato va completamente liberalizzato in modo da dare a tutti la stessa possibilitä di offrire il servizio migliore cosi le compagnie piü efficienti rimpiazzeranno quella attuale a beneficio e nel solo interesse dei passeggeri. Mi pare invece si vada nella solita direzione ed a noi cittadini rimarrä l`alto costo dei biglietti aerei (vedi Francia, altro mercato protetto a favore di AF), dei debiti pregressi da pagare e di cassintegrati da mantenere chissä fino a quando; ma dimenticavo, tra poco ci saranno le elezioni ed allora............ Visto che non siamo capaci da soli di fare i nostri interessi, spero che tra CEE ed altre compagnie europee facciano saltare questo scempio che se realizzato cosi come prospettato e` contro la libera concorrenza.