BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

FINANZA/ Così il "comunista" Renzi può buttare via la vittoria delle europee

Pubblicazione:

Matteo Renzi (Infophoto)  Matteo Renzi (Infophoto)

Un presidente del consiglio di centrosinistra come Renzi dovrebbe fare due cose. In primo luogo una politica della produttività, e in secondo luogo una politica delle grandi infrastrutture e un rilancio tecnologico dell’Italia, per rispondere al ritardo del nostro Paese che per esempio penalizza il nostro turismo rispetto a quello della Spagna.

 

In che modo ritiene che vada attuata una politica della produttività?

Il punto è che Renzi finora si è dimostrato ambiguo, in quanto prima ha parlato di contratto unico e poi ha optato per una pluralità di contratti. Ora dovrebbe appoggiare il contratto decentrato che è quello basato sulla comunità, cioè sull’idea opposta al sindacato di lotta che non considera il lavoro come un’attività comunitaria della persona umana che si realizza nell’impresa. Questa idea comunitaria trae origine da una radice cristiana, e ha una realizzazione importantissima nei contratti aziendali e nel sindacalismo riformista di Einaudi. Questo modello finora Renzi non lo ha affatto considerato, perché aveva in mente da un lato il modello neocorporativo della Cgil e dall’altra quello della Bocconi, che è il contratto unico nazionale.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.