BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

IL CASO/ Il "doping" del Pil che ci inganna sulla crescita

Infophoto Infophoto

Lasciamo perdere, appunto, se la Commissione Ue aumenta i capitoli di spesa, che poi somma, con la speranza di migliorare la crescita. Proprio quella crescita che decresce e che dal 2007 ha perso 70 miliardi di euro e che con il mercimonio ne recupera suppergiù 30. Lasciamo perdere un corno, cari Commissari. Dannatevi a investigare se l’ammontare di quel Pil remuneri in adeguata proporzione, quegli attori che con la spesa il Pil fanno. Occorre, infatti, remunerare la capacità di fare nuova spesa, più che dopare il lecito con l’illecito e mostrarlo nel Pil.

Signori dell’Ue, quelli della spesa privata già fanno il 60% di quella crescita; faranno un altro 2% con il nuovo conto se avessero pecunia idonea a rifocillare il potere d’acquisto. Ve la farebbero vedere loro, vela farebbero. Ma sì, più Pil per tutti!

© Riproduzione Riservata.