BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

BONUS 80 EURO/ Famiglie, incapienti, pensionati: "arrivederci" al 2015

Pubblicazione:martedì 3 giugno 2014

Infophoto Infophoto

Il decreto Irpef mette già a disposizione 3 dei 10 miliardi necessari per il 2015, e 5 dei 10 miliardi necessari a partire dal 2016. Questa è una manovra che pur introducendo il bonus per il 2014 mette già fieno in cascina per renderlo strutturale. La parte che manca, e che sarà individuata nella legge di stabilità, sarà principalmente riconducibile all’attuazione di quel piano di spending review che prevede tagli da 17 miliardi sul 2015, per poi arrivare a 32 miliardi sul 2016.

 

Il governo prevede anche l’estensione del bonus da 80 euro a incapienti e pensionati. Dove troverete le risorse?

Su questo stiamo lavorando in vista della legge di stabilità. È chiaro che il piano di Cottarelli dovrà essere sviluppato coerentemente con quanto riportato. Il piano del governo per il 2014 prevedeva già 4 miliardi di tagli, una parte dei quali erano già stati fatti, e 3 sono appunto quelli attuati da Renzi. È normale che il programma di tagli su base triennale parta basso su quest’anno e poi cresca significativamente sugli anni prossimi. Mentre aumentare le tasse è qualcosa che si può attuare da un giorno all’altro, il recupero di risorse attraverso tagli di spesa è invece un’operazione che richiede tempi di pianificazione. Quindi paradossalmente è più difficile fare 3 miliardi di tagli nel 2014 che 14 miliardi nel 2015.

 

(Pietro Vernizzi)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  

COMMENTI
03/06/2014 - Arrivederci al 2015? (Giuseppe Crippa)

Premesso che l’obiettivo dell'emendamento NCD è minimale: si tratta soltanto di evitare lo scandalo del fatto che con le regole attuali un nucleo in cui entrambi i genitori lavorano e guadagnano 24 mila euro ciascuno porta a casa due bonus, mentre una famiglia monoreddito con figli e retribuzione di 26 mila non ha diritto a nulla, non credo che vedremo nel 2015 nulla che vada verso “logiche di quoziente famigliare” come con tono ispirato recita il sottosegretario Zanetti. Il termine “famiglia”, fatta eccezione per quella omo ovviamente, non appartiene al lessico PD e purtroppo anche NCD lo declina in modo eccessivamente timido accontentandosi di una generica promessa per il futuro ad un emendamento bocciato nell’immediato.