BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Economia e Finanza

ALITALIA/ Etihad, una "acquisizione" a spese dei lavoratori

InfophotoInfophoto

E purtroppo ancora una volta saranno i primi a pagare, anche perché il refrain di “privilegiati” ricomincia a saltar fuori anche dalle colonne di questo giornale. Ricordo che la “cassa integrazione Alitalia”, pur se nella tempistica è stata e rischia di essere molto lunga, ha dalla sua due fattori ignorati dai media. In primo luogo, ha riguardato, con decreti ad hoc, i lavoratori più anziani, caso unico fino ad allora in Italia. Lavoratori che ovviamente non potevano essere messi fuori dal sistema, cosa che ha giustificato la lunghezza del provvedimento e dato lavoro ai più giovani (con una perdita di know-how ingente, però). Inoltre, ha nel Fondo speciale del trasporto aereo un istituto che permette di colmare il differenziale con l’80% della retribuzione e che è alimentato principalmente sia dai versamenti dei lavoratori che delle aziende, oltre alle quote dei passeggeri. Lo Stato quindi non ci mette un euro...

Strano, eppure sia nel caso delle Poste che in quello dei lavoratori bancari si è ricorso a sistemi identici (anzi, lì si raggiungeva il 90% della retribuzione) senza che nessuno avesse nulla da ridire. Povera Alitalia: se pensiamo che nel 2008 Air France voleva rilevarla mettendoci oltre 1000 milioni di euro bisogna dire che il trittico di cui sopra ha partorito un vero e proprio disastro ai danni di un Paese al quale non ha nemmeno il coraggio di chiedere scusa e vergognarsi. Anzi, già si parla di successo: vero Ministro Lupi, signor Bonanni e signora Camusso?

© Riproduzione Riservata.

COMMENTI
08/06/2014 - ALITALIA/ Etihad, una "acquisizione" (alberto servi)

sono d'accordo perchè è tutto vero quello che Lei dice. La sola cosa da cui dissento è il rimpianto nell'aver rifiutato l'offerta di intervento dell'AirFrance del 2008. Quella era la garanzia per annullare il traffico intercontinentale da Malpensa e quindi un concorrente troppo importante.E per avere garantito dal feeder Alitalia -così come poi avvenuto - ogni anno un afflusso di milioni passeggeri per i propri voli intercontinentali nell'Hub di Parigi. Spinetta la sapeva lunga al contrario dei nostri sprovveduti AADD. Lo sanno pure i sassi che il revenue nel trasporto aereo è nel Lungo Raggio.