BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MATRIMONIO VOLKSWAGEN-FIAT/ Cosa c'è di vero?

Pubblicazione:sabato 19 luglio 2014

Infophoto Infophoto

La tedesca Volkswagen vuole tornare protagonista nel mercato americano e i suoi manager sarebbero interessati ad entrare in Fiat Chrysler Automobiles, anche parzialmente. Sono questa le indiscrezioni che sono arrivate dalla Germania, precisamente dal periodico tedesco Manager Magazin, secondo il quale ci sarebbero trattative fra Ferdinand Piech, principale azionista di Volkswagen, e le famiglie Elkann e Agnelli. Ma dai vertici di Fiat e di Exor, la società della famiglia Agnelli che detiene la percentuale di maggioranza delle azioni Fiat, sonoseguite solo smentite.

Stando a quanto ha scritto il periodico, che citava fonti interne a Volkswagen, il Lingotto vorrebbe concentrarsi in futuro sul marchio sportivo Ferrari e ritirarsi, invece, quasi completamente dal settore auto. Volkswagen, ricorda la testata tedesca, aveva più volte espresso interesse in passato per i marchi Fiat, Alfa Romeo e Ferrari ma, al momento, l’interesse dei tedeschi sembra concentrato in particolare su Chrysler. La casa tedesca, come emerso nei giorni scorsi, vuole rilanciarsi negli USA, e la rete di distribuzione e il successo dei modelli Chrysler sarebbero il giusto volano per questa strategia di riposizionamento sul mercato americano.

Lo stesso Sergio Marchionne, numero uno di Fca, avrebbe rispedito al mittente ogni avances: grandi divergenze ci sarebbero sul prezzo dell’acquisizione. Inoltre, in questo momento, proprio sul Biscione sono puntate le intenzioni di rilancio del Lingotto, proprio in chiave concorrenziale nel segmento di livello più alto con le case tedesche. Inoltre Marchionne starebbe seguendo altre strade e la stessa Volkswagen, dopo l’acquisto di Scania e Man (autocarri), punterebbe a medio termine anche all’acquisizione di altri marchi nel settore; progetti che, quindi – sempre secondo il periodico tedesco – comporterebbero un impegno finanziario incompatibile con l’acquisizione parziale anche del gruppo Fca.


  PAG. SUCC. >