BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SPY FINANZA/ I numeri che segnalano il "tonfo globale"

Pubblicazione:martedì 22 luglio 2014

Infophoto Infophoto

Semplice, la bolla precedente si basava infatti sì su buybacks fondati sull’uso della leva ma erano tutti impostati su prestiti non assicurati, ovvero nessun asset dell’azienda era a rischio confisca nel caso la bolla scoppiasse, mancasse la liquidità e quindi non si potesse rimborsare quanto ottenuto. In parole povere, questa volta i detentori di bond di quelle stesse aziende che si stanno indebitando saranno i primi della fila a perdere tutto quando e se la banca passerà all’incasso e di fatto le banche diventano “socie” dell’azienda. Ma c’è di più. Rispetto ai tempi della formazione della crisi Lehman Brothers, le ratio di debito delle economie sviluppate sono salite del 20% al 275% del Pil in sette anni.

Come vi dico da settimane, forse mesi, gli spread sono artificialmente compressi al ribasso, mentre le aziende si stanno pesantemente indebitando per dar vita a buybacks azionari che mantengano alte le valutazioni dei titoli e i corsi degli indici: stando a dati della Bri, il 40% dei cosiddetti syndacated loans - ovvero prestiti offerti da un gruppo di prestatori (syndacation) che si mettono insieme per finanziare un unico soggetto contraente - sono verso soggetti che sono al di sotto dell’investment grade, ovvero con rating di credit a rischio, una ratio ben più alta di quella registrata nel 2007. Inoltre, i cosiddetti Brics e altre economie emergenti hanno già subito le conseguenze dei loro boom del credito, in parte con spill-over del denaro a pioggia delle banche centrali occidentali.

Le loro ratio di debito sono salite anch’esse del 20% a quota 175%, mentre il tasso a cui si prende mediamente a prestito denaro a cinque anni in termini reali è dell’1%: bassissimo e quindi molto a rischio di inversione repentina e disordinata. C’è poi l’eccessiva euforia dei mercati equity con la volatilità scesa a minimi storici: le equities europee sono salite del 15% in un anno a dispetto di crescita reale del Pil a zero e con una calo dell’earnings attese del 3%. E al netto dei sempre nuovi massimi degli indici azionari Usa delle ultime settimane e del crollo del Vix, l’indicatore della volatilità, il costo che i grandi investitori stanno pagando per assicurarsi contro un collasso dei prezzi sta continuando a salire.


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >